Un terribile amore - Catherine Dunne

Un Terribile Amore di Catherine Dunne: la mappa

Per il primo Italish BookClub, dedicato a Un Terribile Amore di Catherine Dunne tornano le #ItalishMagazineMap!

Un Terribile Amore: un libro “europeo”?

Il respiro geografico di Un Terribile Amore è decisamente ampio, come lo è quello temporale. Un libro irlandese, certo, un libro in cui una delle due protagoniste è (almeno in parte) Irlandese, ma anche un libro le cui vicende si dipanano tra il 1957 e il 1989 così come tra l’Irlanda e Cipro, la Spagna e l’Inghilterra.

Il cielo è del solito azzurro opprimente. Il paesaggio dell'Estremadura tremola e balugina. (5)

Pilar sussulta mentre il portone d'ingresso sbatte chiudendosi alle sue spalle. (9)

Montánchez, più a sud. Le luci lontane delle fattorie silenziose: Calista conosce i nomi di tutti i proprietari, uno per uno. (41)

Di lì il suo bruno e silenzioso amico Gabiel l'aveva accompagnata alla stazione degli autobus di Mérida. (44)

Poi aveva preso con gratitudine un lento autobus fino a Badajoz ... (44)

Lui le dà un indirizzo nei dintorni di Palmerston Road, proprio nel cuore del quartiere piùalla moda di Dublino. (56)

Ho ottime notizie. La nostra offerta per il condominio in Calle de las Huertas è stata accettata. (62)

E ora è domenica mattina e Pilar è a El Rastro. Lì, nel più grande mercato delle pulci di Madrid ... (66)

... cercando di sembrare sicura di sé aveva spalancato la porta di Alcocer Anticuarios in Calle Santa Catalina. (67)

È l'estate del 1973 e si trovano a Platres nella casa di Petros e Maroulla. (69)

"Ti porto a Howth" dice Alexandros, "al mare. Dall'altra parte della città" ... (75)

... è adulta, è innamorata. Ed è fuggita per trascorrere la giornata sulla spiaggia di Killiney ... (76)


-


A un tratto viene travolta dal ricordo dell'ultima volta che è stata a Dublino, nell'estate del 1973. Erano sulla spiaggia di Killiney ... (219)

Dice che in futuro l'esperienza che hai fatto qui e a Londra ti sarà utilissima. (77)

E tuttavia Dublino è piccola, chiusa. (78)

María-Luisa e Timothy sono stati invitati a cena dalle parti di Rathgar ... (79)

"al Trocadero", dice lui. "Ho già prenotato il tavolo. Lo conosci?" (80)

Timothy ha insistito per portare tutta la famiglia al Queen's Theatre, in Pearse Street, a vedere L'Ombra Del Fuciliere. (81)

Pilar nota che Petros non parla mai di Cipro. (99)

È il luglio del 1966, e sono tutti quanti nel terminal delle Partenze dell'aeroporto di Dublino. (102)

... hanno lasciato la città per visitare Granada, o Siviglia, una volta Malaga ... (109)

... hanno lasciato la città per visitare Granada, o Siviglia, una volta Malaga ... (109)

Siviglia, Spagna

... hanno lasciato la città per visitare Granada, o Siviglia, una volta Malaga ... (109)

"Domani andiamo a Barcellona" le dice lui in marzo, la notte stessa del suo arrivo. (110)

"Ho prenotato al Majestic Hotel. Credo che ti piacerà" (110)

Mentre Petros sbriga i suoi appuntamenti, lei esplora il Parco Güell ... (111)

"Ho prenotato un albergo a Lefkara" le aveva detto con quel sorriso luminoso. "Lefkara è speciale. Presto capirai perché" (119)

Oxford è incredibile. Non riesco ancora a credere alla mia fortuna. (121)

Lì a Limassol Calista era svenuta per due domeniche consecutive ... (139)

In questo periodo dell'anno Avdimou e Pissouri sono bellissime. (143)

In questo periodo dell'anno Avdimou e Pissouri sono bellissime. (143)

Un giorno la porta a Kakopetria, proprio al centro dell'isola. "Il mio paese" dice. (143)

Alle pendici dei monti Troodos, a nord ... (143)

... quel paesino le ricorda i punti più aridi e inospitali del Connemara ... (144)

Le tornano in mente le spedizioni settimanali di María-Luisa da Switzers e Brown Thomas, a Dublino. (148)

... uno dei tanti sarti che hanno la loro bottega nelle strade intorno ad Agiou Andreou. (152)

Era stata ospite presso una famiglia gentile, in Calle Jaime Roig, a Valencia.(154)

Lui era rientrato in aereo per incontrarla e stavano pranzando insieme all'Hotel Gresham. (167)

Vanno a Omodos e Lakki: paesini abitati da pescatori, contadini, merlettaie. (171)

Vanno a Omodos e Lakki: paesini abitati da pescatori, contadini, merlettaie. (171)

Stamattina si è direatta verso la chiesa di San Andrés. L'ha scoperta per caso pochi anni fa. (181)

Torna in Calle de Las Huertas carica di sacchetti di plastica rigonfi. (251)

Ci sono trecento sterline. E un indirizzo di Londra, Palmers Green: Aristides, un mio vecchio amico ... (256)


-


Se accade, lasciano Palmers Green separatamente e si incontrano a Greenwhich, Richmond o Kensington. (306)

... un conto alla Cyprus Popular Bank di Green Lanes: Aristides ti aiuterà. (258)

"Cerco il numero 37 di Broomfield Close. Aristides Michaelides." (265)

... Il dottor Suárez è di San Sebastián, non so altro. Parlava sempre di tornarci. (285)


-


Juanjo è stato a San Sebastián, e poi a Bilbao, e ha anche trascorso tre inutili e costosi giorni a Santander. (300)

... Aristides ha portato Calista a visitare la sua galleria a Mayfair. (286)

Ha trascorso settimane nelle comunità di immigrati irlandesi di Kilburn e Cricklewood. (289)

Ha trascorso settimane nelle comunità di immigrati irlandesi di Kilburn e Cricklewood. (289)

Ha partecipato a battesimi e matrimoni in Quex Road, con l'enorme congregazione che poi si riversava intorno alla chiesa. (290)

Quando sbarca all'aeroporto di Limassol ai primi di gennaio del 1975, indossa una lunga parrucca bionda e i suoi occhiali da sole da Jackie Onassis. (291)

Juanjo è stato a San Sebastián, e poi a Bilbao, e ha anche trascorso tre inutili e costosi giorni a Santander. (300)

Juanjo è stato a San Sebastián, e poi a Bilbao, e ha anche trascorso tre inutili e costosi giorni a Santander. (300)

Se accade, lasciano Palmers Green separatamente e si incontrano a Greenwhich, Richmond o Kensington. (306)

Se accade, lasciano Palmers Green separatamente e si incontrano a Greenwhich, Richmond o Kensington. (306)

Se accade, lasciano Palmers Green separatamente e si incontrano a Greenwhich, Richmond o Kensington. (306)

Calista non dimenticherà mai la faccia di lui appena usciti dall'aeroporto di Praga, mentre chiamavano un taxi. Aveva gli occhi scuri per lo shock. (333)

Però si fermerà a Trujillo. Ha sempre avuto un debole per quella città. Le piacciono la sua aria antica, le sue piazze sconfinate... (337)

Scoppiano a ridere. Il ricordo più bello di Calista è di lui a St Stephen’s Green, accovacciato a guardare i bambini che danno da mangiare alle anatre. (363)

Le tremano le mani. Punta verso la strada principale e ferma un taxi. "Heathrow" dice. (382)

Quasi a sottolineare il fatto che le distanze, anche considerevoli, di spazio e di tempo comunque non riescono a spezzare i legami tra gli individui: né quelli positivi, né quelli negativi, né d’amore né d’odio.

In questo post tutti i luoghi teatro della narrazione di Un Terribile Amore sono raccolti in una mappa. Un’occasione in più per leggere o rileggere il libro, alla luce dei luoghi che ne fanno parte.

Un’occasione, magari, per chiedere a Catherine Dunne, che risponderà alle domande dei lettori, i motivi che l’hanno spinta a scegliere un luogo invece di un altro.

Italish BookClub: leggi con noi Un Terribile Amore

Un Terribile Amore è il primo libro del BookClub di ItalishMagazine: non potevamo cominciare in maniera migliore, visto che al BookClub partecipa Catherine Dunne in prima persona: la scrittrice dublinese risponderà alle domande dei lettori, che possono interagire direttamente sul sito lasciando un commento, partecipando all’evento su Facebook o su Google Plus, lasciando una foto e un commento su Intsagram utilizzando #unterribileamore.

[instagram-feed num=8 cols=3 type=hashtag hashtag=”#unterribileamore”]

Catherine Dunne a Verona per Un Terribile Amore

Il clou del primo Italish BookClub sarà l’incontro con Catherine Dunne il prossimo 26 Settembre a Verona, presso Vibrissae.

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

manchan magan interview - italishmagazine

La “magia” del Gaeilge: intervista a Manchán Magan

Manchán Magan è una voce molto interessante del panorama culturale irlandese, e davvero una voce importantissima sul Gaeilge, il gaelico irlandese. "Thirty-Two Words for Field - Lost Words of the Irish Landscape" è il suo lavoro più recente: lo abbiamo intervistato a proposito del libro e su molto altro Gaeilge ancora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.