Home / Cinema Irlandese / The Secret of Roan Inish: una bellissima storia

The Secret of Roan Inish: una bellissima storia

Ho sempre avuto una spiccata attrazione per i miti e leggende d’Irlanda e ho ultimamente ritrovato con grande piacere una piccola storia che mi aveva conquistato con la sua tenerezza e le sue musiche: The Secret of Roan Inish.

Nel 1994 il regista John Sayles ha diretto The Secret of Roan Inish, resa cinematografica del libro per ragazzi The Secret of the Ron Mor Skerry (1959) di Rosalie K. Fry.

Dalla Scozia, in cui è ambientato il racconto, la scena si sposta sulle coste del Nord-Ovest dell’Irlanda, dove il regista decide di trasportare la storia di Fiona, bambina attraverso cui scopriremo la forza del legame tra l’uomo e la sua terra e l’armonia tra il presente e un mitico passato.

La storia d’Irlanda vive di esseri magici e leggendari e Fiona scopre come il vincolo della propria famiglia con le Selkies, magiche donne-foca, è più reale di quanto possa immaginare. Saranno proprio loro infatti che riusciranno a far tornare Fiona e la sua famiglia a Roan Inish, abbandonata anni prima. 

Onirica e meravigliosa è la Selkie a cui Susan Lynch  riesce a dare magistralmente corpo. Ma a corredare gli attori, che sanno avere la semplicità necessaria per rendere questa storia una genuina fiaba di sogni e di mare, ci sono le musiche.

Con straordinaria facilità luoghi e azioni vengono accompagnati da un ritmo sempre adatto e coinvolgente, che sa farsi via via più gioioso ed entusiasta fino al ricongiungimento di Fiona con il fratello e l’amata isola.

Between the land and see,

there is a place where myths are real.

About Camilla

Entusiasta e curiosa, lettrice affascinata dalle storie vere, dal vento e dagli arcobaleni, durante un viaggio tutta sola in Irlanda me ne sono innamorata. All'inizio di quell’avventura la prima parola che mi rivolsero fu Slàinte... ed è ancora la mia preferita. A passionate and curious reader, fond of wind, rainbows and real stories. I fell in love with Ireland during a journey on my own. Slàinte was the first word I heard there… and it’s still my favorite one.

Check Also

ItalishMagazine supports “An Irish Father”

Italish has the goal to support Irish culture. This time, dear readers, we can do …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.