Home / Storie Irlandesi / Storie irlandesi: c’era una volta Querci & Robertson
ItalishMagazine storie irlandesi

Storie irlandesi: c’era una volta Querci & Robertson

Tra meno di due mesi, il prossimo 16 giugno, festeggeremo i sei anni di vita “ufficiale” di ItalishMagazine. Ma la storia d’amore per le… Storie irlandesi che è all’origine di Italish aveva avuto dei precedenti.


Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle, il mio primo libro, uscirà per Antonio Tombolini Editore, collana Oceania, nel marzo 2017.


Raccontare storie irlandesi al tempo di Internet

Il nostro primo viaggio in Irlanda era stato nel 1999. Uso il plurale: non si può fare altrimenti, quando si parla di viaggio di nozze.

Il primo viaggio di una lunga serie.

Nel 2008 avevo cominciato a scrivere d’Irlanda. Avevo cominciato molto prima, in realtà, ma niente di “serio”.

Invece, complice un colloquio andato male proprio a Dublino, avevo iniziato a scrivere un romanzo.

Scrivere era servito a metabolizzare la sconfitta del non essere scelto per quel lavoro che, finalmente, mi avrebbe portato a vivere là dove mi sento a Casa: in Irlanda.


Le storie irlandesi di Italish Stories


In qualche mese avevo, così, finito di scrivere Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle.

Mentre cercavo di farlo pubblicare da qualche casa editrice, senza successo, cominciai a ragionare sul fatto di tentare la via del self – publishing, aiutato in questo da Francesco Pallanti, che sarebbe poi diventato il webmaster di Italish, e Alessandro Chimenti, esperto di microeditoria.

La storia de Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle era una storia parzialmente autobiografica, ma i nomi dei protagonisti (un Italiano “fuoriposto” e un Irlandese emigrato in Italia) li avevo cambiati. I due nel libro…

No, non ve lo racconto, perché prima o poi questo libro (e gli altri due romanzi che ho scritto successivamente) troverò il modo di farveli leggere.

Vi dico solo che i cognomi dei due personaggi erano Querci e Robertson, e che Querci & Robertson era diventato il nome di un progetto, di una scommessa, che vide coinvolte (grazie ad aNobii, che a quei tempi funzionava ancora…) da subito Laura Schiavini, scrittrice professionista di Trieste – la città che aveva visto nascere i figli di Joyce – e Sara Nepoti, appassionata d’Irlanda.

L’avventura di Querci & Robertson è durata tre anni, il tempo di pubblicare on demand e in pdf tre volumi di Italish Stories, raccolte di racconti scritti in Italiano e in Inglese, tra l’Italia da un lato, la Finlandia, l’Australia e l’Irlanda dall’altro.

Molto tempo è passato, ItalishMagazine è cresciuto tantissimo e, in qualche modo, la storia del libro è diventata realtà: non esiste la Querci & Robertson, a Dublino, ma esiste la Q-ROB… ;-)

Mi piaceva l’idea che quei racconti, quell’impegno, quell’esperienza non andassero perduti: per questo pubblicheremo di nuovo i racconti, qui su Italish, come post.


Le storie irlandesi di Italish Stories

About maxorover

Ebbene sì. Max O'Rover parla anche Italiano. E in Italiano scrive. Un Irlandese con la geografia contro, ecco chi è Max O'Rover. Il falso vero nome (quindi vero o falso?) di Max O'Rover è, ovviamente, in Irlandese: Mach uí Rómhar. "Rómhar" è il ventre, ma anche il ventre della terra, quello in cui crescono i semi, in cui nascono gli alberi. Mica male per essere uno che non esiste, avere un cognome così evocativo. Prima o poi la scriverò, la vera falsa storia degli uí Rómhar. La storia del perché ci hanno cacciato via. Una storia fatta di boschi sacri che non abbiamo difeso, di maledizioni scagliate contro di noi da Boann. Un pugno di druidi falliti costretti a scendere a sud. Fino a che la maledizione sarà spezzata. Fino a quando potremo tornare. Quando sono in pausa pranzo, ogni giorno, mangio una mela. Non getto mai i semi della mela nella spazzatura. Li getto nel prato. Perché sotto sotto ci credo, alla maledizione. Mi ricordo la maledizione. Ma non ricordo quanti alberi devo far crescere: dieci? Mille? Un milione? Intanto continuo a gettare i semi nel prato, e ad aspettare il ritorno a casa.

Check Also

drombeg stone circle - la tavola del druido - monica gazzetta

Drombeg Stone Circle: la Tavola del Druido – Racconto

Drombeg Stone Circle: la Tavola del Druido – un racconto irlandese di Monica Gazzetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *