Home / Musica irlandese / Sinéad O’Connor a Roma: The Crazy Baldhead Tour

Sinéad O’Connor a Roma: The Crazy Baldhead Tour

Quando sale sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma la sera di domenica 7 aprile Sinéad O’Connor saluta il pubblico con un sorridente “buonasera”. È vestita di nero, il collo chiuso in un colletto da prete e una croce di legno le pende sul petto. I suoi piedi, nudi, si muovono su un grande tappeto. A terra, alcuni cartelli tra cui “breathe, breathe” (respira, respira) a infonderle sicurezza.


La sua voce intona Queen of Denmark, cover del brano di John Grant inserita nell’ultimo album How About I Be Me (And You Be You)? che la O’Connor presenta attraverso il The Crazy Baldhead Tour, e subito si crea un’atmosfera unica, di sentimenti ed energia. Si alternano poi le recenti 4th and Vine, Reason With Me, Back Where You Belong e le classiche Jackie, Thank You For Hearing Me, The Healing Room e The Last Day of our Acquaintance.

E per Nothing Compares To You Sinéad invita tutti a cantare insieme a lei. Il pubblico l’avvolge di urla e applausi  e la O’Connor tra una canzone e l’altra si lascia anche andare in timidi e giocosi ringraziamenti.
Quanto mai toccante I Am Stretched on Your Grave, a cappella, il teatro nel buio e solo la cantante illuminata. Davvero emozionante anche In This Heart: solo la tastiera accompagna la voce di Sinéad a cui a poco a poco si uniscono quelle di Clare Kenny, bassista, e Brooke Supple, chitarrista. Voci che cantano abbracciate, fuse e sorridenti.
Quando, dopo un’ora e mezza, la cantante lascia il palco, il teatro resta al buio e il pubblico la incita a ritornare in un applauso continuo. Rientrata sul palco con un sorriso, la O’Connor spiega che finché non la si sarà sentita bisbigliare il concerto non potrà dirsi concluso. E così è stato. Dopo aver intonato V.I.P., saluta il pubblico con l’antica preghiera Before We End Our Day, ed augura a tutti, con un sospiro, buonanotte.

Commovente ed empatica, la sua voce ha saputo riempire il teatro di un’aurora che si fa strada nella foschia, di pioggia e cieli nuvolosi, di arcobaleni e danze intorno al fuoco. A concerto concluso sorridevo, tremavo di emozioni ed avevo le mani spellate a forza di applausi. Bentornata Sinéad!

About Camilla

Entusiasta e curiosa, lettrice affascinata dalle storie vere, dal vento e dagli arcobaleni, durante un viaggio tutta sola in Irlanda me ne sono innamorata. All'inizio di quell’avventura la prima parola che mi rivolsero fu Slàinte... ed è ancora la mia preferita. A passionate and curious reader, fond of wind, rainbows and real stories. I fell in love with Ireland during a journey on my own. Slàinte was the first word I heard there… and it’s still my favorite one.

Check Also

Presentata l’edizione 2017 di Eire! La Festa dei Suoni d’Irlanda

Accordate i vostri strumenti… Arriva EIRE! 2017, il Festival di Musica Irlandese di Bondeno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.