Home / Musica irlandese / Sinéad O’Connor a Roma: The Crazy Baldhead Tour

Sinéad O’Connor a Roma: The Crazy Baldhead Tour

Quando sale sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma la sera di domenica 7 aprile Sinéad O’Connor saluta il pubblico con un sorridente “buonasera”. È vestita di nero, il collo chiuso in un colletto da prete e una croce di legno le pende sul petto. I suoi piedi, nudi, si muovono su un grande tappeto. A terra, alcuni cartelli tra cui “breathe, breathe” (respira, respira) a infonderle sicurezza.


La sua voce intona Queen of Denmark, cover del brano di John Grant inserita nell’ultimo album How About I Be Me (And You Be You)? che la O’Connor presenta attraverso il The Crazy Baldhead Tour, e subito si crea un’atmosfera unica, di sentimenti ed energia. Si alternano poi le recenti 4th and Vine, Reason With Me, Back Where You Belong e le classiche Jackie, Thank You For Hearing Me, The Healing Room e The Last Day of our Acquaintance.

E per Nothing Compares To You Sinéad invita tutti a cantare insieme a lei. Il pubblico l’avvolge di urla e applausi  e la O’Connor tra una canzone e l’altra si lascia anche andare in timidi e giocosi ringraziamenti.
Quanto mai toccante I Am Stretched on Your Grave, a cappella, il teatro nel buio e solo la cantante illuminata. Davvero emozionante anche In This Heart: solo la tastiera accompagna la voce di Sinéad a cui a poco a poco si uniscono quelle di Clare Kenny, bassista, e Brooke Supple, chitarrista. Voci che cantano abbracciate, fuse e sorridenti.
Quando, dopo un’ora e mezza, la cantante lascia il palco, il teatro resta al buio e il pubblico la incita a ritornare in un applauso continuo. Rientrata sul palco con un sorriso, la O’Connor spiega che finché non la si sarà sentita bisbigliare il concerto non potrà dirsi concluso. E così è stato. Dopo aver intonato V.I.P., saluta il pubblico con l’antica preghiera Before We End Our Day, ed augura a tutti, con un sospiro, buonanotte.

Commovente ed empatica, la sua voce ha saputo riempire il teatro di un’aurora che si fa strada nella foschia, di pioggia e cieli nuvolosi, di arcobaleni e danze intorno al fuoco. A concerto concluso sorridevo, tremavo di emozioni ed avevo le mani spellate a forza di applausi. Bentornata Sinéad!

About Camilla

Entusiasta e curiosa, lettrice affascinata dalle storie vere, dal vento e dagli arcobaleni, durante un viaggio tutta sola in Irlanda me ne sono innamorata. All'inizio di quell’avventura la prima parola che mi rivolsero fu Slàinte... ed è ancora la mia preferita. A passionate and curious reader, fond of wind, rainbows and real stories. I fell in love with Ireland during a journey on my own. Slàinte was the first word I heard there… and it’s still my favorite one.

Check Also

Presentata l’edizione 2017 di Eire! La Festa dei Suoni d’Irlanda

Accordate i vostri strumenti… Arriva EIRE! 2017, il Festival di Musica Irlandese di Bondeno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.