Home / Turismo & Eventi / San Patrizio Livorno Festival / San Patrizio Livorno Festival: un anno prima
san patrizio livorno festival

San Patrizio Livorno Festival: un anno prima

San Patrizio a Livorno – Un anno prima: 17-18 marzo 2018. Numero Zero del San Patrizio Livorno Festival.

Questo è un progetto che parte con il sigillo di garanzia: è stato pensato in un pub con camino, nel centro di Dublino, davanti a una pinta di Guinness.

Tutto quello che si decide davanti a una Guinness ha un senso. Specie se si parla d’Irlanda.

San Patrizio Livorno Festival: gli ingredienti

  • C’è un documento storico che racconta che San Patrizio è passato da Livorno. San Patrizio è evangelizzatore e protettore d’Irlanda nonché il santo in nome del quale si beve più birra nel mondo. Si festeggia il 17 marzo.
  • C’è uno scrittore appassionato di Irlanda e letteratura irlandese. Si chiama Max O’Rover, ma alla faccia del nome, pur risiedendo a Dublino, è nato e cresciuto a Livorno.
  • A Max O’Rover è venuta l’idea di portare a Livorno un po’ di grandi nomi della letteratura irlandese contemporanea e, allo stesso tempo, anche autori italiani che scrivono d’Irlanda.
  • Uno di questi autori italiani che hanno parlato d’Irlanda si chiama Michele Marziani ed è spesso a Dublino.
  • Che cosa si fa di solito a Dublino? O’Rover e Marziani bevono Guinness e progettano il festival irlandese di Livorno. Poi cosa scoprono? Che non c’è un soldo, siamo in Italia, stiamo parlando di cultura. Come si fa allora? O si annegano i sogni in una pinta di troppo o ci si rimbocca le maniche.

I nostri hanno optato per l’ipotesi due e hanno messo insieme l’idea di “San Patrizio a Livorno – Un anno prima” un micro festival letterario dal sapore irlandese, il 17 e 18 marzo, per dare il via a un crowdfunding e mettere insieme i denari, il sostegno, l’entusiasmo e ogni altra forma di adesione per realizzare l’edizione 2019, quella coi grandi nomi.

Per ora ci sono: la voglia di raccontare il progetto, quattro libri, tre autori, un attore livornese e fine lettore (Claudio Monteleone) un piccolo editore particolarmente attento alle scritture degli italiani che vivono in Irlanda (Antonio Tombolini Editore) e un luogo, l’Ex Cinema Aurora. Infine, c’è una madrina d’eccezione: Catherine Dunne. Ovvero la scrittrice irlandese più amata e letta in Italia.

Si spera a breve di rimediare anche qualche musicista irlandese disposto a immolarsi alla causa.

Che dite? Ci date una mano?

About Michele Marziani

Mi chiamo Michele Marziani e nella vita leggo, scrivo e viaggio. Credo proprio in quest’ordine. Non ho mai immaginato altro. Anche quando ho letto cose bruttissime. Scritto cose sbagliate. Fatto viaggi da dimenticare. Narratore, autore di romanzi. Revisore di traduzioni dal francese e dall’inglese. Conduttore di laboratori di narrativa. Editor e direttore editoriale per Antonio Tombolini Editore. Dirigo anche la rivista di letteratura Il Colophon.

Check Also

pokemon go dot

Numero Zero del San Patrizio Livorno Festival: Federico Platania, ‘Smontando Godot’

Federico Platania ci racconta perché sarà al #SPLF e quale sarà il suo intervento. Con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.