Home / Turismo & Eventi / Oltre la pinta: che cosa fare in Irlanda quando pensavi di aver già fatto tutto
ItalishMagazine - voli irlanda low cost - ryanair

Oltre la pinta: che cosa fare in Irlanda quando pensavi di aver già fatto tutto

La Guinness. Ok. Le pecore. Ok. Il museo degli scrittori e quello della Guinness (ancora…). Le scogliere di Moher. Quando sarete arrivati al decimo viaggio in Irlanda (perché si sa: in Irlanda ci si torna…) potrebbe forse venirvi il dubbio di aver visto tutto, fatto tutto.

Ovviamente non è così.

In Irlanda il rischio di trovare un ‘nuovo’ paesaggio mozzafiato c’è quasi dopo ogni curva delle sperdute e accidentate strade dell’isola.

E poi ci sono altre Irlande, magari meno note, ma sicuramente tutte suggestive e tutte da vedere.

In questo articolo abbiamo messo insieme un po’ di idee assolutamente eterogenee tra loro.

Che sia il vostro primo viaggio o il ventesimo, magari troverete un’altra Irlanda che fa per voi…

Irlanda alternativa sul mare

Basking Shark
Basking Shark

Le coste dell’Irlanda sono ancora, in buona parte, incontaminate.

Vedere foche, balene e delfini non è raro.

Ovviamente i delfini sono i più gettonati: se volete darvi al dolphin watching in Irlanda il sito da cui partire è irishdolphins.com.

Attualmente non viene aggiornato, ma costituisce sicuramente, per quantità e qualità di informazioni, un punto di partenza ideale.

Dolphin Discovery è una delle proposte turistiche a disposizione, con base a Kilrush, nella Contea di Clare. E sempre nella contea di Clare, a Carrigaholt, c’è Dolphinwatch.

Se invece siete nella Contea di Cork, potete rivolgervi a Whale Whatch West Cork: se siete fortunati potreste anche imbattervi in un basking shark, lo squalo elefante reso famoso dalla sequenza di Man of Aran

bansheeFolletti, Streghe & Fantasmi

Paranormal Ireland e My Guide Ireland sono invece i siti da cui partire se volete viaggiare in Irlanda con un po’ di brivido: trovate qui tutte le informazioni su Kinnitty Castle, Leap Castle e Charleville Castle e le loro, quantomeno presunte, presenze.Altri spunti su True Ghost Stories.

Un interesse che magari avete coltivato a partire da libri come Grandi Storie Irlandesi Del Soprannaturale, o lo stesso Dracula

Ma più che per i fantasmi o i vampiri, l’Irlanda è famosa per i folletti, Leprecauni in primis: su The Leprechaun Watch le informazioni sul Leprecauno di Cloongallon.

A Dublino non poteva mancare il Leprechaun Museum

E comunque se credete che il mistero sia soltanto roba da vallate sperdute e manieri isolati, vi sbagliate: a Dublino potete farvi un giro sul Ghost Bus Tour.

Irish Graffiti: un’Irlanda alternativa “urban jungle” ;-)Dublijn Angel

Ma se siete membri irriducibili della Urban Tribe, anche per voi c’è una Irlanda (o meglio, una Dublino) tutta da scoprire: quella dei graffitari.

In questo caso la guida perfetta è un sito che è anche un progetto editoriale di recente pubblicazione: A Visual Feast.

Soprattutto negli ultimi anni, e ancora di più con la morte della cosiddetta Tigre Celtica, che ha costituito un forte impulso per la produzione di messaggi indipendenti con media alternativi sul, e contro, il sistema, Dublino si sta allineando a città come Londra e New York per quanto riguarda la quantità, e la qualità, dei sui pittori di muri.

Anche l’angolo più degradato può acquisire una impensabile, solare bellezza grazie ad artisti come Fink, ADW o Canvaz.

Gaeil…che?

E concludiamo con una proposta del tutto diversa: una settimana sulle Isole Aran per imparare un po’ di Gaelico Irlandese, la lingua madre dell’Isola di Smeraldo che ormai sopravvive solo in alcune zone.

Difficilissimo da leggere (Liam Ó Maonlaí qualche tempo fa ci ha dato un consiglio su come impararlo: ascoltarlo un paio di anni prima di provare a capirci qualcosa…), l’Irlandese rappresenta l’ultima frontiera per l’irlandofilo oltranzista.

Credete che faccia per voi? Allora date un’occhiata a Fun Easy Irish Courses Island Method.E con questo, quindi, slán tamaillín… ;-)

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

san patrizio livorno festival

Numero Zero del San Patrizio Livorno Festival: i protagonisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.