Home / Arte / Metti un giorno alla Duke Street Gallery

Metti un giorno alla Duke Street Gallery

Con (ormai più di) 500 post alle spalle Italish ne ha di storie di raccontare. Perché ormai Italish è diventato quello che ci eravamo prefissi: un luogo di incontro in cui far nascere relazioni culturali e, perché no, amicizie, tra Irlanda e Italia. Così, se con Chiara Brandi ci eravamo, fino a ora, “incontrati” solo virtualmente, il nostro ultimo viaggio a Dublino ci ha permesso di incontrarla anche nel mondo reale, e di visitare di persona la Duke Street Gallery (qui il post in Inglese), che Chiara ci aveva già raccontato su Italish.

Graham Knuttel @ Duke Street Gallery
Graham Knuttel @ Duke Street Gallery

dst03La location, Duke Street appunto, è perfetta: ci arrivi da Grafton Street, in Duke Street, dopo aver superato le “barricate”: i banchi dei fiori delle Dublinesi che vendono in centro.

Uno dei tanti motivi per cui adoro Dublino è il fatto che, mentre cammini, le sue strade sono così impregnate di letteratura che quasi senti l’odore delle pagine.

Ecco, qualche volta anche i palazzi, le case, fanno lo stesso effetto, hanno lo stesso odore.
La prima cosa che vedi entrando nella Duke Street Gallery è questa scala che, sarò malato, subito mi ricorda gli andirivieni, ora silenziosi e furtivi, ora rumorosi, quasi insolenti, dei personaggi de I Morti, l’ultimo dei racconti dei Dubliners (Gente Di Dublino). Chissà se qualche accademico si è mai messo a studiare la funzione delle scale ne I Morti

Ritornando sulla terra, entri nella Duke Street Gallery e capisci che, sì, certo, è una galleria d’arte, ma è anche, di fatto, un gran bel museo di arte irlandese contemporanea: insomma, la sensazione di museo take away è curiosa!

I due nomi più noti, e che ricorrono spesso sulle pareti, sono quelli di Markey Robinson e di Louis Le Brocquy. E, ancora una volta, la suggestione letteraria è facile: Le Brocquy è l’autore dei più famosi, ed emozionanti, ritratti di artisti Irlandesi e, soprattutto, è stato il più grande interprete della carica espressiva del volto di Samuel Beckett:sbcube

Le Brocquy e Robinson, purtroppo, non potranno darci altra arte, altra energia. Ma Duke Street Gallery è una galleria viva: perché “in scuderia” ci sono interessantissimi autori contemporanei e alcuni di essi sono giovani. E se la galleria è dominata in questo periodo da Fish, opera scultorea di Graham Knuttel:

dst04

I nostri occhi si sono invece innamorati delle opere di Joby Hickey, artista eclettico e a nostro parere grande “re-inventore” della lezione dello stesso Le Brocquy (e, forse, anche di Jack Butler Yeats) in chiave multimediale e (visto che ormai anche il post-moderno è morto e sepolto…) forse dovrebbe essere definita post-attuale, con uno studio di luci e forme che travalica il mezzo espressivo, quasi liberandosene.

College Green, Joby Hickey

Okkei. Forse sto cominciando a esagerare… ;-)

Che dire di più? Che, la prossima volta che siete a Dublino, se fossi in voi un’occhiata alla  Duke Street Gallery la darei di sicuro… ;-)

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

Funny unhappiness: George Dunne

George Dunne, one of the artists of Duke Street Gallery, speaks with Italish.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.