Home / Cinema Irlandese / Libri e film d’Irlanda: Cathal Black

Libri e film d’Irlanda: Cathal Black

Abbiamo avuto l’opportunità di incontrare all’IFI di Dublino Cathal Black, Co-director di Nightingale Films Ltd. Cathal è regista, produttore e sceneggiatore e sta lavorando su due interessantissimi progetti da libri irlandesi.

Cathal ha già lavorato partendo dalla letteratura irlandese: il suo Korea (1995) è tratto da un racconto di John McGahern.

Cathal inoltre ha prodotto Irish Folk Furniture, un “corto” di Tony Donoghue, vincitore del Premier Award at Sundance Film Festival 2013, e del Melbourne Film Festival.

Cathal sta lavorando su due sceneggiature: Julius Winsome (con Blinder Films, Dublino) dal romanzo di Gerard Donovan, e su una sceneggiatura originale: Harm’s Way (with Parallel Films, Dublin/London) scritta con John Banville, il vincitore del Booker prize di cui spesso parliamo su Italish.

Grazie di essere qui con Italish, Cathal. Quel che è interessante è che Italish è così coinvolto nella letteratura Irlandese e… Lo sei anche tu! Hai diretto Korea, stai lavorando su due progetti entrambi connessi alla letteratura Irlandese.

– Sì. Uno è da una idea di John Banville. L’altro, Julius Winesome, è un po’ più strano… L’autore è un Irlandese che vive di solito a New York, professore di Inglese. Sono dell’opinione che buona parte del materiale migliore (per il cinema) venga dalla letteratura o dal teatro. La ragione sta nell’oggetto del lavoro letterario e nell’esperienza che sta dietro agli scrittori. Ho bisogno del loro modo di mostrare la struttura, del loro “mostrami il trucco”.

Come è nato Korea dal racconto di McGahern, come ti sei confrontato con i personaggi di una storia che è così breve e così potente insieme?

– Per fare un film puoi avere bisogno di tirar fuori lo “shock” dal racconto. E la storia riguarda un uomo che vuole salvare suo figlio…

E la storia è, di nuovo, come in Joyce, su padri e figli, un argomento frequente nella letteratura Irlandese. Non solo in Joyce, se vuoi anche in The Commitments, con gli scontri tra Jimmy Jr e Jimmy Sr, o nei libri dello stesso Banville: ci sono molti padri tormentati.

– E anche nei libri di Benjamin Black, l’altro Banville [I libri della serie di Quirke vengono pubblicati in Italia sotto il nome di John Banville, mentre nel resto del mondo viene usato il nom de plum di Banville, Benjamin Black]. Quirke, il personaggio principale, è un padre assente.

È un buon non-padre…

– Sì! Parte da buone intenzioni, ma è un disastro…

Quirke avrà il volto di  Gabriel Byrne nella serie della BBC (speriamo di averla anche in Italia prima o poi…).

Intanto, tu stai lavorando con John Banville. E ovviamente tu non puoi comprendere l’importanza della frase “Sto lavorando con John Banville”!

[Cathal sorride] – Beh. Ha una grande passione per le sceneggiature. E… Lavoriamo molto via e-mail. Mi ha mandato anche la sceneggiatura di The Sea.

Ma cosa puoi dirci di Harm’s Way?

– C’è questa storia, o mito, secondo cui durante la Seconda Guerra Mondiale la Famiglia Reale avrebbe mandato le due principesse, Margaret e Elisabetta, in Irlanda, anche se l’Irlanda era neutrale, e sarebbero state nella contea di Tipperary. Non sappiamo per certo quanto siano rimaste né se sia veramente accaduto, ma questa è la storia di Banville: che siano venute in Irlanda, mentre l’Inghilterra veniva bombardata, portando con sé parte del pericolo.

… Perché in qualche modo l’Irlanda era un Paese nemico

– Sì, certo: il 1922 era ancora vicino.

Una storia intrigante, senza dubbio. Invece Julius Winesome è una storia così strana, profonda, così triste. Come l’hai affrontata?

– La struttura è piuttosto strana, a causa delle diverse timeline. Abbiamo deciso di concentrarci sulla relazione del protagonista e sulla storia della morte del cane, con l’obiettivo di non banalizzare il tutto con un “è impazzito perché…”. La sua pazzia deriva dal non essere lasciato solo.

È una sorta di richiamo alla solitudine.

– È un romanzo difficile da interpretare, ma è lì perché si tenti di interpretarlo.

Possiamo azzardare un parallelo tra la letteratura Irlandese, che gode senza dubbio di ottima salute, e il cinema. C’è una sorta di “nouvelle vague” nel cinema Irlandese: Adamson con What Richard Did, o il film Jump. Adam & Paul, che ci ricorda anche l’UlisseWhat Richard Did, ancora, è tratto da un libro (Giornataccia a Blackrock / Bad Day in Blackrock). Così anche il “nuovo” cinema Irlandese rimane profondamente connesso alla letteratura. E poi ci sono i fratelli McDonagh, con i riferimenti alla cultura pop. Su Italish abbiamo grande attenzione per l’opera di Martin McDonagh. Che cosa pensi di loro?

– Il teatro di Martin è molto interessante, spiazzante: è un Irlandese che viene dall’Inghilterra portandosi dietro il più puro humor nero irlandese. Non ho visto Sette Psicopatici e mi è piaciuto molto Six Shooters: divertente e anarchico. Ma non mi è piaciuto In Bruges.

No? A questo punto dovremo litigare! ;-) Perché no?

– È un pastiche. Non ha l’integrità di Six Shooters. In Bruges è un insieme di buone idee che non riescono però ad amalgamarsi.

Tornando a Harm’s Way Julius Winesome

– Sì, stiamo raccogliendo molto interesse. Harm’s Way sarà girato quasi completamente in Irlanda, Julius Winesome in Canada. Dovrebbero uscire tra un anno e mezzo circa.

E magari ne riparleremo insieme! Grazie Cathal.

 

 

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

ItalishMagazine supports “An Irish Father”

Italish has the goal to support Irish culture. This time, dear readers, we can do …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *