Home / Storie Irlandesi / Le recensioni irlandofile di @MaxMaG87: Paula Spencer di Roddy Doyle

Le recensioni irlandofile di @MaxMaG87: Paula Spencer di Roddy Doyle

Titolo originale: Paula Spencer (2006)

Titolo in traduzione: Paula Spencer (Traduttore G. Zeuli, Editore Guanda, collana Narratori della Fenice)

Di: Roddy Doyle
Il libro che mi ha riconciliato con RD dopo che mi ero smarrito nelle peregrinazioni americane di Henry Smart. Il personaggio non è nuovo: Paula Spencer è la protagonista di La Donna che Sbatteva Nelle Porte. Due buoni libri, e forse Paula Spencer è superiore a La Donna che Sbatteva Nelle Porte, non per come è scritto ma per quello che dice (e questo la… dice lunga sull’assoluta soggettività del giudizio). Charlo, il marito-aguzzino-malvivente, ormai è morto da una decina d’anni, ed è stato sostituito, almeno fino al momento in cui ha inizio il libro, dalla bottiglia.

E il libro ci racconta il primo intero anno di Paula da sobria. Ci racconta della figlia che le ha sempre fatto da madre e che non si fiderà mai di lei, della figlia che rischia di diventare come lei, del figlio ex-tossicomane che non ha visto per anni e si riaffaccia nella vita di Paula ormai sposato, con prole e “riabilitato”, e del figlio più giovane, Jack, che è – quasi miracolosamente – normale.

Tra l’artrite deformante che è ancora peggio a causa delle cicatrici, forse non solo quelle fisiche, lasciate dal marito, il lavoro da donna delle pulizie in uffici e case vuote, collegate dai segni del progresso (?) dublinese: la Dart e la Luas, le sorelle alle prese con un cancro o un nuovo amore (anche Paula si concede almeno una amicizia, e lui è un tipo lasciato dalla moglie scopertasi lesbica: storie irlandesi che si incrociano, visto che è la stessa sorte toccata al protagonista del racconto Il Marito di Mary Dorcey, pubblicato in Italia nella raccolta Irlandesi di Sellerio), Paula – e Roddy – ci accompagnano nella descrizione di una vita qualsiasi che è straordinaria proprio per questo, nella sacralità dei momenti intimi come l’ascolto di un CD (How to Dismantle An Atomic Bomb, ma il gruppo preferito di Paula è White Stripes) o il rito del tè, da sola o con i figli: tanto tè anche in questo Doyle, ed è un tema che mi piace tantissimo, questo tè che detta i tempi della vita e della parola, anche in una Dublino, in un’Irlanda (la data di uscita corrisponde all’apice della Tigre Celtica) che stanno cambiando, probabilmente in peggio e comunque per sempre:

tutta la zona è cambiata; tutto il quartiere. O sta cambiando. Era una comunità molto stabile una volta, ma ora non lo è più. Il caffè è solo l’inizio. Come il nuovo nome del pub. Gli abitanti si dividono in due gruppi. Quelli che lo chiamano con il vecchio nome e ci vanno ancora, e quelli che lo chiamano Finnegan’s Wake e non ci vanno.

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

L’imprevedibilità della natura: ruolo e significato delle Naturbestimmungen nella Irische Frage – Simone Farinella

L’imprevedibilità della natura: ruolo e significato delle Naturbestimmungen nella Irische Frage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.