Home / Storie Irlandesi / Le recensioni irlandofile di @MaxMaG87: La Fine della Strada (Inishowen) di Joseph O’Connor

Le recensioni irlandofile di @MaxMaG87: La Fine della Strada (Inishowen) di Joseph O’Connor

Titolo originale: Inishowen (2000)

Titolo in traduzione: La Fine Della Strada

Di: Joseph O’Connor
Bel libro, questo Inishowen di O’Connor (questa mania di non tradurre i titoli, ma stravolgerli… vabbè). E libro strano, che strizza l’occhio, per temi e talvolta anche per costruzione dell’intreccio, al cosiddetto romanzo rosa (ma un grande scrittore dei generi può infischiarsene, e degli ingredienti che fanno un genere abusarne come vuole): padri e madri, cui è morto un figlio (qualcosa di così brutto da non avere neanche un nome, come ha scritto un altro autore irlandese), madri che presto abbandoneranno i loro figli, mariti alle prese con tradimenti e sensi di colpa.

O’Connor prende tutti questi elementi “di genere” e aggiunge altri tre ingredienti fondamentali: due bellissimi personaggi e… l’Irlanda.

Non solo Dublino (anche se c’è molta, molta Dublino), ma anche il nord, il nord ‘verde’ del Donegal e il nord ‘arancio’ dell’Ulster (il libro è ambientato a Natale del 1994, con il cessate il fuoco tra paramilitari cattolici e protestanti in atto). Una spruzzata di umorismo dublinese, quello bastardo, triviale, cattivo, e il tutto potrebbe essere perfetto.
Ma c’è un ma: la sottotrama, diciamo così, ‘noir’ del libro si guadagna sul finale un’attenzione che non viene poi sviluppata pienamente e le coincidenze del penultimo capitolo sono… sì, troppe e troppo vicine per essere ben digerite nella lettura.
La citazione:

Sull’Impero Britannico non tramonta mai il sole perché Dio ha paura di rimanere al buio con gli Inglesi.

Il luogo:

Pearse Street Garda Station, Dublino.

Perché tra libri e film, ormai è un personaggio pure lei…

Così era la recensione dopo la prima lettura. Adesso lo sto rileggendo, contando di (ri)finirlo prima del nostro #TheLonesomeWestTour2012 che come meta ha, per l’appunto, Inishowen…

 

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

John Banville in Italia, al San Patrizio Livorno Festival 2019

John Banville in Italia, ospite con Catherine Dunne del San Patrizio Livorno Festival 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.