Home / Turismo & Eventi / In Sight: la Dublino degli invisibili
ItalishMagazine - in sight

In Sight: la Dublino degli invisibili

In Sight è un progetto dedicato a una delle questioni più tristi e spinose della Dublino di oggi: quella degli homeless.

In Sight: un punto di vista altro

ItalishMagazine - insightPasseggi per i ponti di Dublino e non puoi fare a meno di vederli.

Certo: quanto al guardarli, o magari a scambiarci due parole, è tutta un’altra storia.

Sono gli altri, i troppi rappresentanti di una Dublino altra per la quale non c’è differenza tra Tigre Celtica o recessione.

La Dublino dei senza casa, degli homeless.

Una Dublino che ha trovato una voce in letteratura – per esempio le meravigliose pagine sui mendicanti dublinesi scritte da Ray Bradbury in Verdi Ombre, Balena Bianca.

Che ha trovato voce nelle iniziative di beneficenza di personaggi come Glen Hansard da un lato o Johnny Sexton – attualmente il rugbista più rappresentativo d’Irlanda – dall’altro, i quali hanno supportato Dublin Simon Community e Focus Ireland, due delle charity in prima fila nella lotta contro il fenomeno.

Una Dublino che, con In Sight, ha trovato qualcosa in più: la possibilità di far vedere il suo punto di vista.

Un progetto fotografico unico, che permette a chi vive la condizione di homeless di raccontarla per immagini, e quindi completamente dal suo punto di vista.

Il progetto aveva preso il via nell’aprile 2015 grazie a Lynsey BrowneLucy Ryan: presso la sede di Dublin Simon Community sono state tenute da parte di Des Byrne, fondatore dell’Irish Street Photography Group, tre lezioni di fotografia per gli assistiti del centro, che sostiene gli homeless dublinesi.

Quarantacinque tra di loro hanno ricevuto una macchina fotografica usa e getta, con cui immortalare le proprie esperienze quotidiane.

ItalishMagazine - insight

Il loro lavoro è diventato una mostra fotografica, attualmente aperta nei locali del Powerscourt Center, D2 e un’occasione di dare sia visibilità al problema sia fondi a sostegno della Dublin Simon Community con l’acquisto delle foto stesse.

Se siete a Dublino potrete vedere le foto del progetto In Sight fino al prossimo 29 maggio.

Foto molto spesso bellissime, talvolta commoventi, talvolta indissolubilmente legate a quell’umor nero irlandese, e dublinese in particolare, che a Beckett faceva dire:

Quando sei nella mer*a fino al collo, canta

E a una delle fotografe che, in fondo

mezzo ombrello è sempre meglio che nessun ombrello.

La foto più importante tra quelle esibite, a mio parere, è però proprio quella che più di tutte incarna l’alterità del punto di vista proposto, quella foto che vede passare gli altri su un ponte dublinese.

Quegli altri che siamo noi.

ItalishMagazine - insight

 

 

 

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

john banville - whiskey, birra e tè - splf 19

John Banville: tè, Guinness e whiskey secondo un grande scrittore irlandese

John Banville, ormai lo sapete, sarà ospite (con Catherine Dunne e Marco Vichi) del prossimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.