Home / Storie Irlandesi / MO’R e i Nomi dei Gabbiani: quasi un fumetto

MO’R e i Nomi dei Gabbiani: quasi un fumetto

Sono americano, dolcezza, i nostri nomi non vogliono dire un cazzo

[Bruce Willis, Butch, Pulp Fiction]

Che c’entrano i gabbiani con Pulp Fiction? In Irlandese, invece, i nomi e i cognomi significano.C’è un rapporto tra il cognome che diventa Whelan, o Phelan, e la parola faoileáin, gabbiani.
Del resto le storie celtiche sono piene di animali che si trasformano in uomini, che si ritrasformano in animali e così via.

Persino i due famosi tori del Táin Bó Cúailnge sono (erano) stati esseri umani.

A un certo punto quindi forse è meglio essere buddhisti e sperare di rinascere per volare nel posto giusto…
















About maxorover

Ebbene sì. Max O'Rover parla anche Italiano. E in Italiano scrive. Un Irlandese con la geografia contro, ecco chi è Max O'Rover. Il falso vero nome (quindi vero o falso?) di Max O'Rover è, ovviamente, in Irlandese: Mach uí Rómhar. "Rómhar" è il ventre, ma anche il ventre della terra, quello in cui crescono i semi, in cui nascono gli alberi. Mica male per essere uno che non esiste, avere un cognome così evocativo. Prima o poi la scriverò, la vera falsa storia degli uí Rómhar. La storia del perché ci hanno cacciato via. Una storia fatta di boschi sacri che non abbiamo difeso, di maledizioni scagliate contro di noi da Boann. Un pugno di druidi falliti costretti a scendere a sud. Fino a che la maledizione sarà spezzata. Fino a quando potremo tornare. Quando sono in pausa pranzo, ogni giorno, mangio una mela. Non getto mai i semi della mela nella spazzatura. Li getto nel prato. Perché sotto sotto ci credo, alla maledizione. Mi ricordo la maledizione. Ma non ricordo quanti alberi devo far crescere: dieci? Mille? Un milione? Intanto continuo a gettare i semi nel prato, e ad aspettare il ritorno a casa.

Check Also

drombeg stone circle - la tavola del druido - monica gazzetta

Drombeg Stone Circle: la Tavola del Druido – Racconto

Drombeg Stone Circle: la Tavola del Druido – un racconto irlandese di Monica Gazzetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *