a garden diary - ItalishMagazine

Giardino irlandese: un diario da Dublino

In English HERE.

La scorsa estate la fine del primo lockdown ha portato qualcosa di bellissimo, dopo alcuni mesi estremamente difficili.

Ora vivo non lontano dal luogo di nascita di Beckett. La casa ha un bel giardino e ci ho passato molte ore, sia d’estate sia dopo l’estate. Oggi, quasi esattamente sei mesi dopo, sono incappato in un tweet sul birdwatching.

Quel Tweet ha causato un click dentro di me.

Ho finito per pensare che, forse, un diario della mia “vita” in giardino potesse essere interessante.

Forse. Chissà.

E così, userò questo post per appunti, osservazioni e per dare forma ai pensieri che la natura – anche se è quel tipo di natura che sembra troppo vicino a un accessorio – mi ha dato in questi ultimi mesi. E, si spera, in molti mesi a venire.

E, in omaggio a quel Tweet, ho realizzato un calendario 2021 per il birdwatching. È un foglio di lavoro di Google, ed è qui e sotto. Magari può essere utile ad altre persone: in Irlanda, in Italia.

Partendo da lì, ho cominciato ad annotare le mie osservazioni (link diretto QUI).

Ho voluto dare a questo aggeggio un tocco… Italish: per questo le tre lingue per i nomi degli uccelli.

Inglese, Gaeilge, Italiano.

Dati a parte, sotto, il vero e proprio diario di un giardino della Dublin Southside…

Calendario Birdwatching – Inglese, Gaeilge, Italiano, 2021

Il Calendario Birdwatching di Max

Un giardino a Dublino sud – Diario

Estate 2020: tutto è iniziato da, e con, un Cúinne an Ghiorria

Ho incontrato il concetto di Cúinne an Ghiorria, l’angolo della lepre, grazie all’omonima bellissima opera di Colm Mac Con Iomaire.

Scavando un po’ più a fondo , ho scoperto anche che Colm non è il solo artista ad aver tratto ispirazione da tale concetto.

Concetto che ho trovato assolutamente fantastico. La mia passione per la lingua irlandese deriva dalla consapevolezza che il Gaeilge è una lingua molto più gentile con la natura dell’inglese o dell’italiano.

Nel momento in cui ho messo gli occhi su questo bellissimo giardino, ho deciso subito che avrei cercato di mantenerlo il più “naturale” possibile. E ho deciso che doveva avere il suo Cúinne an Ghiorria!

garden diary - cuinne an ghiorria - italishmagazine

Il laboratorio (Autunno 2020)

Mentre il giardino dorme il sonno, invernale, dei giusti, al piano di sopra accadeva qualcosa di leggermente diverso.

Il giardino sperimentale.

Il laboratorio, se preferisci.

Tutto ha avuto inizio salvando una piantina dal marciapiede davanti al garage.

Ora: sono molto lontano dall’essere un esperto di fiori e piante, ed ero anche molto peggio solo pochi mesi fa.

Così ho scoperto solo molto più tardi che si trattava di una Campanula.

garden diary - campanula - italishmagazine
Campanula

Ho usato un piccolo vaso da fiori per “salvarla” e sta andando alla grande, a quanto pare, dopo aver sofferto un po’ durante l’estate.

Avevo molti altri piccoli vasi da fiori a disposizione, e un sacco di piante, e semi, così ho cominciato a fare qualche esperimento, a piantare semi e rametti.

Non lontano dal garagè c’è il grande cespuglio con fiori gialli.

Non sapevo che si trattasse di Iperico

A quanto pare, i fiori di iperico diventano semi. Incredibile, non è vero !? ;-)
Quindi, insieme alla Campanula, ci sono altri cinque vasetti che dovrebbero mantenere i semi di Iperico sicuri e e al caldo durante l’inverno.

Finora, però, altri semi più piccoli e più intraprendenti stanno approfittando della situazione.

Più piccolo, con una notevole eccezione: qualche settimana fa ha iniziato a germogliare un grosso seme nero. E beh: adesso è un po’ una situazione tipo Jack e la pianta di fagioli.

Il tempo sarà giudice.

Nel frattempo, mi sono reso conto che è necessario anche un foglio di calcolo per … il monitoraggio delle piante.

Eccolo qua!

Tavola sinottica delle piante del giardino

Il file originale è QUI.

Maggiori informazioni su Passiflora e Dente di leone in arrivo.


Come promesso: Dente di leone

Il Dente di leone ha avuto una storia difficile.

Come ho detto prima, sono molto, molto, molto lontano dall’essere un esperto di piante. Sono invece molto bravo ad accumulare tonnellate di informazioni incoerenti, informazioni che dovrebbero essere utili a un certo punto, almeno dal punto di vista della creatività.

Una di queste informazioni riguarda frammenti della storia del Dente di leone.

Una volta fiore ornamentale, poi declassato a erbaccia.

Immagina: sei un Dente di leone, la gente ti ama. Ti mettono nel loro giardino!

Poi un *** di giardiniere decide che è tempo di cambiare, e tu, Dente di leone, sei f*to.

Amo gli underdog. Quindi, adoro i Denti di leone.

Non sono molto amati neanche in Italia. Il loro nome in italiano è “tarassaco” poiché sarebbero un rimedio per il mal di stomaco, poiché ταράσσω significa perturbare. Il nome toscano è ancora peggio: pisciacane, visto che, a quanto pare, i cani adorano fare la pipì su di loro.

Non hanno nulla da temere nel mio giardino.

Amo la loro schizofrenia estetica: un giorno sono grandi fiori margherite, il giorno dopo sono una palla di semi pronta a esplodere.

Li amo, immagino, per il loro atteggiamento da

Andiamo a provare da un’altra parte.

Li adoro anche perché sono bravissimo a fotografarli.


Qualcosa di inutile di cui essere orgoglioso

Questa:

Mapping a garden in Irish - ItalishMagazine

Uno di quei momenti rivelatori della mia lunga e complessa (complessa. Non complicata: complessa) relazione con l’Irlanda è stato quando ho sentito per la prima volta di Tim Robinson e del suo fantastico lavoro sulla mappatura prima delle Isole Aran, poi del Connemara.

Ho avuto uno scambio di e-mail con questo fantastico essere umano. Non ho potuto incontrarlo mai, e ora è troppo tardi, purtroppo.

Eppure mi ha ispirato molto. Sono, di nuovo: orgogliosamente, autore della traduzione in italiano della sua mappa Inis Mór.

Un orgoglio inutile, ma comunque orgoglio. O meglio: l’inutilità è nella cosa stessa. È l’esito di un piacere egoistico, dopotutto.

Se la potenziale utilità, e audience, della traduzione in italiano della mappa in irlandese di una piccola isola irlandese è, diciamo così, limitata, quale può essere effettivamente l’utilità di mappare un giardino?

Eppure, e lo dico di nuovo, sono molto orgoglioso della mappa del giardino di cui mi sto occupando (non userei la parola mio: ho letto Il Signore degli Anelli troppe volte per usare una parola del genere in relazione alla natura. Non posso dire di essere un pastore degli alberi – beh: vengo da Finglas, quindi in realtà lo sarei, in un certo senso – ma sono sicuramente un pastore di piante).

Il lavoro sulla bozza finale è corrisposto alla mia prima, e finora unica, lezione di Gaeilge.

Per me ha perfettamente senso usare un linguaggio che non è il mio perché dal lavoro di Robinson, e dal lavoro di Friel (e anche dal lavoro di Manchán Magan: ci torneremo presto, su questo) ho imparato quanto sia profondo il legame tra paesaggio e parole che utilizzi per descriverlo.

Sebbene la mappa non sia il territorio, questa stessa istanza acquisisce, se la mappa è in irlandese, un significato che è completamente l’opposto dell’istanza stessa.

La mappa diventa un livello superiore del territorio, come il territorio diventa una storia da raccontare.

Quindi, sì: sono molto orgoglioso della mappa in irlandese del giardino di cui mi sto occupando.

Cúl an Tí

Se non hai familiarità con la poesia Cúl an Tí, puoi dare un’occhiata QUI.

Ho guardato, era l’estate 2018 (la favolosa estate del 2018, quando tutto sembrava possibile e il sole non ha lasciato il cielo irlandese per molto, molto tempo), un programma del TG4 (no: non quel TG4) sulla reinterpretazione di vecchie poesie e canzoni tradizionali. Uno di loro era Cúl an Tí.

Se il Cúinne an Ghiorria è molto più ampio di un “piccolo angolo” del giardino (forse è 30% dell’intero giardino? Probabilmente dovrei controllare meglio), il Cúl an Tí del giardino è davvero un angolo minuscolo.

È interessante come il concetto di Cúl an Tí risuoni, almeno per me, con quello di kipple. Forse il volo tra un “giardino sul retro” irlandese e il futuro oscuro di Blade Runner è troppo pindarico. Ma questa è la mia storia, quindi …

Un Cúl an Tí è fatto di kipple. Ma nella poesia di Seán Ó Ríordáin, i rifiuti, il kipple, diventano un ingrediente per la magia. Al chiaro di luna, la spazzatura diventa qualcos’altro, agli occhi di chi guarda.

Quell’angolo ora è molto diverso da sei mesi fa. Ho passato l’estate a segare la legna accumulata nel Cúl an Tí fino a farla diventare ceppi per il caminetto. Mi sono sbarazzato dell’edera che stava attaccando l’albero. Non mi piace un albero strangolato dall’edera: gli alberi devono essere liberi.

Il Cúl an Tí è ora una versione, diciamo, ottimista di un cimitero: ceneri, tè e caffè morti stanno diventando un nuovo terreno. L’edera ha imparato a comportarsi bene.

È davvero magia, dopotutto: la magia della vita dalla morte.

About maxorover

Ebbene sì. Max O'Rover parla anche Italiano. E in Italiano scrive. Un Irlandese con la geografia contro, ecco chi è Max O'Rover. Il falso vero nome (quindi vero o falso?) di Max O'Rover è, ovviamente, in Irlandese: Mach uí Rómhar. "Rómhar" è il ventre, ma anche il ventre della terra, quello in cui crescono i semi, in cui nascono gli alberi. Mica male per essere uno che non esiste, avere un cognome così evocativo. Prima o poi la scriverò, la vera falsa storia degli uí Rómhar. La storia del perché ci hanno cacciato via. Una storia fatta di boschi sacri che non abbiamo difeso, di maledizioni scagliate contro di noi da Boann. Un pugno di druidi falliti costretti a scendere a sud. Fino a che la maledizione sarà spezzata. Fino a quando potremo tornare. Quando sono in pausa pranzo, ogni giorno, mangio una mela. Non getto mai i semi della mela nella spazzatura. Li getto nel prato. Perché sotto sotto ci credo, alla maledizione. Mi ricordo la maledizione. Ma non ricordo quanti alberi devo far crescere: dieci? Mille? Un milione? Intanto continuo a gettare i semi nel prato, e ad aspettare il ritorno a casa.

Check Also

un italoirlandese in lockdown

Un italoirlandese in lock down

Fantasmi a Finglas - Appunti sull’identità da un italoirlandese in lockdown - Max O'Rover

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.