Home / Storie Irlandesi / Fighting Words Dublino: Italish intervista Sara Bennett
Fighting Words Dublino: Italish intervista Sara Bennett

Fighting Words Dublino: Italish intervista Sara Bennett

This post is also available in: English (Inglese)

Fighting Words Irlanda è molto vicina al suo decimo compleanno: intervistiamo per l’occasione Sara Bennett, direttore generale di Fighting Words Irlanda.

IM: Ciao Sara, mentre ci stiamo avvicinando al decimo anniversario di FW, vorresti dirci qualcosa su ciò che è FW, su che cosa era “all’inizio” e su come il progetto è cresciuto in questi dieci anni?
Tu sei originaria degli Stati Uniti: come sei stata coinvolta?

SB: Sono venuta a Dublino nel 1996 per studiare storia medievale al Trinity College.

Alla fine, ho iniziato a lavorare nelle risorse umane e nella gestione dei volontari per Amnesty International Ireland, dove ho iniziato a lavorare con il direttore esecutivo Seán Love nel 2002. Nel 2008, Seán ha fondato Fighting Words con Roddy Doyle. Seán mi ha reclutato per organizzare il programma di volontariato di Fighting Words più tardi nello stesso anno.

IM: una nota più leggera: si dice che le due sponde dell’Atlantico sono “divise dalla stessa lingua”; hai avuto qualche episodio divertente nel tuo primo periodo qui in Irlanda, che coinvolge la lingua o, più in generale, la differenza tra le due culture?

SB: Ancora oggi gli studenti sono affascinati dal mio accento – e non solo dal mio, ma da quello di tutti i volontari che hanno un accento nordamericano. Hanno visto tutti i film, i videogiochi e gli spettacoli televisivi, quindi tendono a pensare che io venga da questo posto davvero affascinante perché sono andata alla “high school” invece che alla “secondary school”, quando poi sono esattamente la stessa cosa.
Dico sempre loro che il posto da cui vengo (il Connecticut) è in realtà è piuttosto noioso (relativamente parlando, ovviamente!). Ma non mi credono.
Abbiamo avuto un “incidente” qualche anno fa, con uno dei nostri stagisti dagli Stati Uniti.
In Irlanda, le persone pronunciano la lettera “R” come “oar” quando si fa lo spelling di una parola.
Negli Stati Uniti, le persone lo pronunciano come “ar”. Un gruppo di studenti delle scuole secondarie ha scelto un nome che inizia con “R” come personaggio nella storia e lo stagista l’ha scritto OAR-o-n-a-n invece che solo Ronan. Ci sono state molte risate…

IM: Un’angolazione diversa: FW Irlanda non è l’unico progetto Fighting Words al mondo, e il progetto, stavi dicendo pochi giorni fa, ha nel suo DNA i geni dell’essere aperto verso altri Paesi e ambienti.
Puoi parlarci di questo, delle altre filiali di FW e dei progetti che FW Irlanda ha sviluppato anche in contesti estremamente difficili, come i siti per rifugiati qui in Irlanda e addirittura i campi di rifugiati in Giordania?

SB: Fighting Words è ora attivo in dieci diverse località sull’isola d’Irlanda, con altre tre sedi che dovrebbero essere aperte entro la fine del 2019.
Facciamo anche parte di The International Alliance of Youth Writing Centers, che è una rete di centri di scrittura in tutto il mondo che organizza seminari di scrittura creativa per bambini e giovani.
L’etica di tutti i centri è quella di offrire seminari gratuiti coordinati da tutor / tutor volontari, in cui i partecipanti determinano il contenuto.
Nel contesto di questa filosofia, i partecipanti sono liberi di esprimersi in un ambiente sicuro e creativo.
Siamo stati in grado di estendere il nostro lavoro ai centri di accoglienza in Irlanda e nei campi in Giordania, per esempio, perché i seminari consentono alle persone di scrivere su ciò che è importante per loro, al ritmo che vogliono, nella propria lingua, senza preoccuparsi della grammatica, dell’ortografia o della struttura.
È un modo di lavorare molto inclusivo che crea uno spazio sicuro in cui le persone possono sviluppare le proprie voci.

IM: Ho sentito personalmente Roddy dire in una occasione “lasci sempre un seminario FW meglio di come ti senti quando entri”: vuoi aggiungere qualcosa al riguardo?

SB: Penso che sia un ottimo modo per riassumere perché il volontariato con Fighting Words è un’esperienza così gratificante!

IM: Sono un volontario non madrelingua inglese e sono d’accordo con quello che ha detto Roddy. Inoltre, penso che i seminari siano un ottimo modo per interagire con gli irlandesi nel miglior modo possibile: vorresti dire qualcosa al nostro pubblico e perché altri, per esempio altri italiani residenti in Irlanda, dovrebbero diventare volontari FW?

SB: Gli italiani dovrebbero fare volontariato con Fighting Words (o presso la nostra organizzazione consociata italiana La Grande Fabbrica delle Parole) perché è flessibile, offre un modo per aiutare i bambini e i giovani a costruire la loro fiducia in un ambiente creativo e, soprattutto, è divertente.

IM: … e poi FW compirà 20 anni … Qual è la tua visione per il futuro di FW? Come vedi lo sviluppo di FW nei prossimi anni? Ci sono piani per sviluppare seminari con adulti (sono di parte, lo so …) che non hanno l’inglese come prima lingua, per esempio?

SB: Vedo Fighting Words svilupparsi in più località in tutta l’Irlanda – vorremmo che tutti i giovani irlandesi avessero un facile accesso ai nostri programmi.
Siamo sulla buona strada e questo è molto eccitante. Vorremmo anche ampliare e sviluppare la nostra partnership con la Dublin City University e portare il modello Fighting Words in classe (al momento sono le classi a raggiungere le sedi di FW).
Abbiamo già iniziato con programmi per adulti per i quali l’inglese non è la loro prima lingua.
Abbiamo tenuto di recente seminari per studenti stranieri di un college di lingua inglese locale ed erano semplicemente fantastici. Poiché non enfatizziamo la grammatica “corretta”, le persone si sono sentite libere di usare il loro inglese e abbiamo scritto delle storie fantastiche.
Potrebbero esserci più iniziative come questa in futuro!

Per saperne di più: https://www.fightingwords.ie/.

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

l'irlanda di beckett - platania - splf2020 - italishmagazine

L’Irlanda di Beckett: alla scoperta delle radici di un immaginario

L'Irlanda di Beckett / The Beckett Country: alla scoperta delle radici di un immaginario. Federico Platania, San Patrizio Livorno Festival 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.