Home / Turismo & Eventi / Dublino 100: canzoni, Dirty Old Town

Dublino 100: canzoni, Dirty Old Town

Terza puntata della nostra collezione #dublino100. E inaugurazione di un’altra sezione: canzoni dedicate a Dublino. Cominciamo con Dirty Old Town.
dublin 100 dirty old town

Dirty Old Town: il testo della canzone

I met my love by the gas works wall
Dreamed a dream by the old canal
I kissed my girl by the factory wall
Dirty old town
Dirty old town

Clouds are drifting across the moon
Cats are prowling on their beat
Spring’s a girl from the streets at night
Dirty old town
Dirty old town

I heard a siren from the docks
Saw a train set the night on fire
Smelled the spring on the smoky wind
Dirty old town
Dirty old town

I’m going to make me a good sharp axe
Shining steel tempered in the fire
I’ll chop you down like an old dead tree
Dirty old town
Dirty old town

I met my love by the gas works wall
Dreamed a dream by the old canal
I kissed my girl by the factory wall
Dirty old town
Dirty old town
Dirty old town
Dirty old town

Una canzone rubata

La riconoscete, nel testo, la nostra cara vecchia Dublino? Sì? Ebbene, in realtà l’autore, Ewan MacColl, la scrisse nel 1949 per Salford, Inghilterra. Negli Anni Sessanta la canzone viene reinterpretata da diversi artisti, e poi tutto cambia nel 1968.

Se ne impadroniscono i Dubliners, e la canzone diventa, da allora in poi, dublinese al 100%.

Se con i Dubliners la canzone diventa parte integrale della tradizione musicale irlandese, con i Pogues di Shane McGowan e la loro versione del 1985 si pongono le basi per farla diventare una icona dell’irlandesità nel mondo.

Tra le cover vi segnaliamo anche quella di Townes Van Zandt: non Irlandese, certo, ma fonte di ispirazione a sua volta per quella generazione di irish expat successiva a quella di McGowan: Van Zandt compare nelle colonne sonore sia di In Bruges sia di Sette Psicopatici, entrambi del “nostro” Martin McDonagh.

Quella Dublino esiste ancora? È mai esistita? È una Dublino proletaria e invernale, quella nel cui cielo il sole sembra un ospite timido che alla prima occasione saluta e se ne va. Una Dublino sempre in equilibrio tra tetraggine e laughter, una risata un po’ sguaiata, un’atmosfera resa magistralmente da uno scrittore che è sì irlandese, ma dublinese solo d’adozione. Uno scrittore di cui abbiamo parlato molto su Italish e che naturalmente sarà presente in #dublino100: John Banville (ancora più vicino a queste atmosfere quando scrive da Benjamin Black).

In conclusione: Dirty Old Town è una di quelle canzoni da caricare sul lettore mp3 prima di un viaggio dublinese, una di quelle da ascoltare in un pub e cantata da un busker in Grafton Street.

Una di quelle che fanno Dublino.

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

john banville - whiskey, birra e tè - splf 19

John Banville: tè, Guinness e whiskey secondo un grande scrittore irlandese

John Banville, ormai lo sapete, sarà ospite (con Catherine Dunne e Marco Vichi) del prossimo …

One comment

  1. Pingback: Dublino 100

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.