Home / Turismo & Eventi / Collins Barracks: cavalli, tempeste e fucili

Collins Barracks: cavalli, tempeste e fucili

Qualche post fa vi abbiamo raccontato di Soldiers and Chiefs, l’esposizione dedicata alla storia militare irlandese. Oggi invece vi raccontiamo di una “costola” dell’esposizione e di un’altra sezione del museo dedicata a un episodio precedente e connesso alla Easter Rising.

Da Dublino alla Crimea. E ritorno.

Le storie di amicizia in guerra tra uomini e animali non mancano. Forse la più famosa è il romanzo, divenuto poi film e musical, WarHorse.

Le Collins Barracks ospitano le testimonianze di una di queste amicizie.

Il cavallo è Dickie Bird del 5th Dragoon Guard. Associato al reggimento nel 1853, Dickie servì per l’intera guerra di Crimea, tra il Maggio del 1854 e il Giugno del 1856.

E, sopravvissuto alla Crimea, Dickie tornò a Dublino e divenne la mascotte del reggimento, fino a quando venne ucciso nel 1874, ormai vecchissimo, risparmiandogli con una dispensa speciale la sorte di essere venduto e macellato.

Archeologi per un cavallo

La storia di Dickie era raccontata da una placca in quelle che dal 1798 erano le Islandbridge Barracks, rinominate poi Clancy Barracks nel 1942. Secondo la placca, nella caserma era custodito anche il corpo del cavallo.

Nel 2004 il sito delle ormai ex Clancy Barracks è stato venduto, e una società archeologica, la Margaret Gowen & Company, è andata “a caccia” dei resti di Dickie.

dickie bird @ Collins Barracks

Caccia fruttuosa: adesso lo scheletro ricostruito del cavallo è ospitato alle Collins Barracks, con lo zoccolo che era stato conservato per ricordare la mascotte e altri cimeli del 5th Dragoon, che nel 1890 aveva abbandonato Dublino.

dickie bird @ Collins Barracks

Se Dickie Bird ricorda il passato britannico della storia militare irlandese, la storia della Asgard è invece di segno decisamente opposto.

Da regalo di nozze a nave da guerra…

Asgard @ Collins Barracks

La storia della Asgard inizia tra Boston e la Norvegia: nel 1904 Erskine Childers commissiona a Colin Archer, navigatore e mastro d’ascia norvegese, uno yacht “robusto e in grado di tenere il mare cattivo”. Lo yacht è il regalo di nozze da parte dei genitori di Molly Osgood, che diventerà la signora Childers.

Intanto nel decennio successivo le istanze indipendentiste irlandesi si fanno più pressanti: nel 1913, il 25 Novembre, nascono gli Irish Volunteers, in risposta all’incapacità (o alla mancanza di volontà) da parte del governo britannico di arginare il movimento paramilitare lealista UVF.
Non si può andare incontro ai fucili con le mazze da hurling ed è Erskine a essere incaricato con Darrell Figgis di procurarsi armi in Germania. Il 28 maggio 1914 acquistano 1.500 fucili Mauser e 49.000 cartucce.

Dalla Germania a Howth

Ma come portare in Irlanda le armi? Con la Asgard e la Kelpie, altro yacht, di stazza inferiore, capitanato da Conor O’Brien. Erskine è al comando della Asgard, e dell’equipaggio fa parte pure Molly.

Al largo della foce dello Schelda le armi vengono trasferite dal cargo tedesco Gladiator ai due yacht. La Asgard fa rotta direttamente per l’Irlanda (la Kelpie invece per le coste gallesi, al largo delle quali le armi saranno nuovamente trasferite su un’altra nave) affrontando ventitre giorni di navigazione e “la peggior tempesta registrata per il Mare d’Irlanda dal 1882”.

Il 26 Luglio 1914 ottocento Irish Volunteers attendono la Asgard al molo di Howth, scaricando le armi in 45 minuti. Così comincia l’ultimo capitolo della storia della lotta irlandese alla dominazione britannica, capitolo che porterà alla Easter Rising prima e alla nascita del Free State poi.

Asgard @ Collins Barracks

La storia della Asgard non finisce nel 1914: lo yacht farà poi parte della neonata Marina Irlandese come vascello d’addestramento.
Per anni poi rimarrà in stato di semi – abbandono, fino al 2007, quando un team capitanato dal Mastro d’Ascia John Kearon comincerà il restauro del veliero, terminandolo nel 2012.

Da allora la Asgard è al sicuro in un padiglione completamente dedicato a lei e alla sua storia nel complesso delle Collins Barracks.

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

john banville - whiskey, birra e tè - splf 19

John Banville: tè, Guinness e whiskey secondo un grande scrittore irlandese

John Banville, ormai lo sapete, sarà ospite (con Catherine Dunne e Marco Vichi) del prossimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.