Home / Turismo & Eventi / Castello di Swords – Dublino e dintorni (con photogallery)
castello di swords - dublino e dintorni - italishmagazine - 01

Castello di Swords – Dublino e dintorni (con photogallery)

Castello di Swords: facilmente raggiungibile, merita senza dubbio una visita se siete a Dublino, sia che usiate i mezzi pubblici, sia che usiate l’auto (o – perché no? – la bici). Benvenuti nel cuore storico di Swords!

Castello di Swords (Dublino e dintorni): ottocento anni di storia

Castello di Swords: John Comyn e la fondazione, gli anni d’oro

Il Castello di Swords ha alle sue spalle più di ottocento anni.

Venne costruito attorno al 1200 da John Comyn, l’allora arcivescovo di Dublino eletto nel 1181 (venne ordinato in Italia, a Velletri: uno dei tanti monaci e chierici a zonzo tra Irlanda e Italia nel Medioevo…).

Le terre controllate dallo Swords Manor fruttavano all’arcivescovo una buona metà dell’introito anno, una cifra corrispondente a circa sei milioni di euro di oggi.

Del castello si parla in un documento del 1326, dal quale risulta che avesse una cucina, un forno e vi si producesse formaggio. Risultava già la cappella del vescovo, così come le stalle e un fabbro; il lunedì era giorno di mercato.

La decadenza del Castello

Il XVI Secolo vide il declino del castello arcivescovile. Nel 1583 fu occupato da famiglie di tessitori protestanti olandesi e nel 1641 fu teatro di un sanguinoso scontro durante la Ribellione che vide i cattolici sconfitti, al castello (con almeno duecento morti) e poi definitivamente dopo il 1650, con l’arrivo di Cromwell in Irlanda.

La rinascita

Non si hanno notizie importanti sul Castello di Swords per circa duecento anni.

Nel 1870, però, le rovine vengono acquistate dalla famiglia Cobbe. Nel 1930, in una Repubblica d’Irlanda appena nata, il castello è sotto la sopriontendenza dell’Office of Public Works, dal 1985 del Dublin County Council e quindi del Fingal County Council.

Il castello di Swords oggi

La Cappella

Sottoposto sia a scavi archeologici sia a restauri, oggi il castello si presenta con le mura perimetrali ben conservate e la cappella completamente rinnovata dopo i lavori iniziati nel 1995.

La Torre del Conestabile

La Torre del Conestabile risale alla metà del XV Secolo ed è stata restaurata tra il 1996 e il 1998. C’è anche un WC medievale…

Inoltre, attorno al castello si estende un bel parco.

Castello di Swords: come arrivarci

Il castello è al centro della cittadina di Swords, a nord di Dublino, lungo la “M1” e non distante dall’aeroporto. Gran parte del percorso tra Dublino e Swords è ciclabile. Swords può essere raggiunta faciulmente anche in autobus, utilizzando i numeri 33, 41, 41C e il servizio di bus privati “Swords Express”.

Il castello è chiuso il lunedì e aperto tutti gli altri giorni.

  • Orario da marzo a settembre: 9.30/17.00;
  • Orario da ottobre a febbraio: 9.30/16.00.

Il castello di Swords è anche su Facebook.

About maxorover

Ebbene sì. Max O'Rover parla anche Italiano. E in Italiano scrive. Un Irlandese con la geografia contro, ecco chi è Max O'Rover. Il falso vero nome (quindi vero o falso?) di Max O'Rover è, ovviamente, in Irlandese: Mach uí Rómhar. "Rómhar" è il ventre, ma anche il ventre della terra, quello in cui crescono i semi, in cui nascono gli alberi. Mica male per essere uno che non esiste, avere un cognome così evocativo. Prima o poi la scriverò, la vera falsa storia degli uí Rómhar. La storia del perché ci hanno cacciato via. Una storia fatta di boschi sacri che non abbiamo difeso, di maledizioni scagliate contro di noi da Boann. Un pugno di druidi falliti costretti a scendere a sud. Fino a che la maledizione sarà spezzata. Fino a quando potremo tornare. Quando sono in pausa pranzo, ogni giorno, mangio una mela. Non getto mai i semi della mela nella spazzatura. Li getto nel prato. Perché sotto sotto ci credo, alla maledizione. Mi ricordo la maledizione. Ma non ricordo quanti alberi devo far crescere: dieci? Mille? Un milione? Intanto continuo a gettare i semi nel prato, e ad aspettare il ritorno a casa.

Check Also

spazio giochi - giocando al splf - italishmagazine

Spazio giochi (di ruolo e non) al San Patrizio Livorno Festival 2019

Spazio giochi (di ruolo e non) al San Patrizio Livorno Festival 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.