Home / Non categorizzato / Aldo, Giovanni, Giacomo e Nietzsche sulle Isole Aran

Aldo, Giovanni, Giacomo e Nietzsche sulle Isole Aran

-30

Da stamani conosco un’altra parola in Irlandese. O meglio, da stamani conosco il significato di una parola che conoscevo già: an Crugán, che poi è il nome del nostro B&B. Significa “rough patch of ground”, mi dice l’Harbour Master di Kilronan, e mi piace tradurlo Il Campaccio. Che è diverso dal campo per le patate. Che è diverso dal campo delle alghe, che è diverso dal campo di roccia. Il territorio acquista significati perché l’uomo lo definisce rispetto alle sue esigenze, e nomina i luoghi di conseguenza (questo campo di patate, questo campo di alghe, questo campo di roccia). Nelle lingue moderne i significati si semplificano (così come le strutture stesse delle lingue) e i luoghi (ma non solo quelli) perdono i nomi.

Così si arriva alla frase di Butch/Willis citata dal nostro amico scrittore o alla parodia della lingua sarda proposta ormai un bel po’ di tempo fa da Aldo, Giovanni e Giacomo, con concetti così specifici da avere parole diverse per esprimere la stessa cosa se accade di mattina o di sera, per esempio.

Del resto, come per il turista la costa occidentale delle Aran non è altro che tale, mentre per un Aranita quello stesso oggetto di pensiero acquisisce una ricchezza di nomi (quindi di significanti, e quindi di significati) inimmaginabile per il turista, così per il pastore, e prendiamolo per l’appunto sardo, che ci vive e ci lavora (non cito il pastore sardo a caso…) ogni campo in cui pascolano le sue pecore avrà una peculiarità e quindi un nome, mentre, mettiamo per esempio, per Berlusconi che se la compra in toto (salvo poi rimanere gabbato dal pastore con l’usucapione…) quella stessa terra è terra, e basta, e non ha nome se non dopo essere diventata un affare (Costa Azzurrina, Smeraldina o quel che è).

Quindi è la terra, il luogo, il territorio che hanno valore e quella stessa umanità che ha dato il nome, e il valore, poi deruba il territorio, e quindi anche se stessa, in nome della semplificazione e magari del profitto.

Come aveva ragione quindi Nietszche, quando diceva di tornare alla terra, e sarebbe stata una bella storia da raccontare se invece di finire sifilitico (o quel che fu) a Torino avesse preso la via dell’Ovest e si fosse trovato con Synge sulle Isole Aran a discutere se, in quanto Dio è morto, non spetti al mare che ribolle là in fondo alla scogliera l’appellativo di eterno…

About QRob

Massimiliano "Q-ROB" Roveri writes on and about Internet since 1997. A philosopher lent to the IT world blogs, shares (and teaches how to blog and share) between Ireland and Italy.

Check Also

Racconti irlandesi

Ho disseminato qua e là su questo blog dei racconti irlandesi (più o meno). Partendo …

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

This website uses to give you the best experience. Agree by clicking the 'Accept cookies' button or Decline by clicking 'Decline cookies'.