Cinema Irlandese

Calvary – Calvario: un altro McDonagh verso Beckett?

Da queste parti ci siamo convinti che Martin McDonagh sia un genio. Tanto da dedicargli un “posto speciale” su ItalishMagazine. E se i geni in famiglia fossero due..? Sembra proprio così, dopo aver visto Calvary.

Cinema Irlandese, Martin McDonagh's files

In Bruges: la recensione di Susanna Pellis

Embed HTML not available.

Una delle più belle iniziative italiane sulla cultura irlandese è senza ombra di dubbio l’Irish Film Festa, di cui la nostra Camilla ci aveva raccontato la sesta edizione. È pertanto con grandissimo piacere che ospitiamo Susanna Pellis, il direttore di IFF, e la sua recensione di un film che qui a Italish amiamo tantissimo: In Bruges.

Cinema Irlandese

Libri e film d’Irlanda: Cathal Black

Abbiamo avuto l’opportunità di incontrare all’IFI di Dublino Cathal Black, Co-director di Nightingale Films Ltd. Cathal è regista, produttore e sceneggiatore e sta lavorando su due interessantissimi progetti da libri irlandesi.

Cinema Irlandese

From books to the silver screen: Italish meets Cathal Black

We have had the opportunity to meet at IFI in Dublin Cathal Black, Co-director at Nightingale Films Ltd. Cathal is director, producer and screenwriter and he is working right now on two very interesting projects from books.

Martin McDonagh's files, Storie Irlandesi

Martin McDonagh, empathy for children and Beckett’s misopedia

Another McDonagh’s file about the relationship between Beckett and Martin McDonagh, on one of the thorniest issue.
Being alive is for Samuel Beckett the original sin. This is the sin for which in Beckett’s works transpires his hatred for children, crystallized in the famous quote from All That Fall:

Did you ever wish to kill a child? … Nip some young doom in the bud.

Martin McDonagh's files, Storie Irlandesi

Martin McDonagh, l’empatia per i bambini e la misopedia di Beckett

Continuiamo a lavorare sul rapporto tra Beckett e Martin McDonagh affrontando uno dei temi più spinosi.
Il peccato originale è vivere, secondo Samuel Beckett. Per questo dalle sue opere traspare il suo odio per i bambini, cristallizzato nella celebre frase di All That Fall:

Did you ever wish to kill a child? … Nip some young doom in the bud.

Cinema Irlandese, Martin McDonagh's files

Los Angeles, Connemara: una non recensione di 7 Psicopatici

Martin McDonagh è nato a Londra. 7 Psicopatici è girato negli Stati Uniti, con un bel mucchio di attori americani, qualcuno americano al cubo. E allora perché, ancora una volta, Martin McDonagh è su Italish anche con il meno irlandese dei suoi film?

Cinema Irlandese, ItalishMagazineMap, MovieMap

The Guard: lo speciale di ItalishMagazine

The Guard (e lasciamo perdere da ora in poi la spaventosa localizzazione in Italiano del titolo: Un Poliziotto da Happy Hour) è il primo lungometraggio da regista (ne è anche lo sceneggiatore) di John Michael McDonagh, il, almeno fino a ora, meno noto dei due fratelli McTarantino d’Irlanda. Di Martin abbiamo già parlato, in Italiano e in Inglese, a proposito di In Bruges

Cinema Irlandese, Martin McDonagh's files

Joyce and Beckett In Bruges with Martin McDonagh

Embed HTML not available.

The most important text of Irish (European?) contemporary literature, Ulysses, was not written in Ireland.

The most important author of Irish (European?) contemporary theatre wrote almost nothing in Ireland and, to better distance himself from Ireland, he wrote in French and German, too.

James Joyce and Samuel Beckett are cold dead and buried since a long time: not in Ireland, of course.

I don’t know if Beckett or Joyce have ever been in Belgium. Nor in Bruges. But writing has its mysterious ways, writing doesn’t care for living and dead, writing can do everything.

So, finally, Beckett and Joyce got to Bruges: Martin McDonagh, another sui generis Irish, brought them there.

The outcome? A bloodbath.

Cinema Irlandese, Martin McDonagh's files

Metti Joyce e Beckett. A Bruges. Anzi: In Bruges

Embed HTML not available.

Il più importante testo della letteratura irlandese (europea?) contemporanea, Ulysses, non è stato scritto in Irlanda. Il più importante autore teatrale irlandese (europeo?) non ha scritto quasi niente in Irlanda e, a scanso di equivoci, si è messo pure a scrivere in Francese e Tedesco, per prendere meglio le distanze. James Joyce e Samuel Beckett sono ormai morti e sepolti: da un bel po’, e, naturalmente, non in Irlanda. Non mi risulta che Beckett o Joyce siano mai stati in Belgio. Tantomeno in Bruges.