I libri di Max O'Rover

Recensioni Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle

il giorno che incontrammo roddy doyle - o'connell bridge

Sono passati otto anni dalla prima pubblicazione, prima che Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle venisse pubblicato da Antonio Tombolini Editore nella collana Oceania, il giorno di San Patrizio 2017. Per questo anche soltanto pochi giorni prima della “nuova” pubblicazione è possibile leggere alcune recensioni del libro.

Aggiornerò questa pagina con le nuove recensioni! E intanto vi spiegherò perché la peggiore recensione al libro mi piaccia tanto…

Qua sotto, gli estratti da alcune delle recensioni pubblicate su aNobii, GoodReads e Facebook.

Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle: clicca per saperne di più!

*****
“Il giorno che incontrammo Roddy Doyle” è un libro irlandese per la poesia che ha dentro, per le storie che racconta, per il dolce amaro che trasmette, per la magia reale che traspare dalle pagine, perchè parla di sogni incredibilmente concreti, perchè parla di tristezza e felicità.

Martina Bonati (Facebook)

****
Piacevolissimo. L’autore descrive esattamente l’Irlanda dei miei sogni. Sono stupita dall’affinità che ho sentito nei confronti dei personaggi di questo romanzo fresco e sorprendente. Il lettore comincia a leggere con il sorriso sulle labbra e continua così fino all’ultima parola del libro.

Consigliato.

Silvia Silvi (aNobii)

***
Mi sarebbe piaciuto leggerlo in lingua originale perchè ho trovato la traduzione a tratti un po’ forzata (odio quando sotto il testo italiano sento le strutture grammaticali della lingua di partenza).
Se no storia molto carina e Dublino magnifica e sfolgorante come al solito :)

Klava (GoodReads)

Eccola qua, la recensione “peggiore”. Che corrisponde a un: missione compiuta! Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle è stato, per me, un libro con cui cercavo di dare non solo una voce, ma anche una identità, al senso di appartenenza che sento quando si parla di Irlanda. Ho creato una identità altra, lo pseudonimo con cui scrivo, perché, di fatto è un altro io quello che, appunto, scrive. Ho creato una vita diversa, e l’ho creata per raccontarla. Di più: l’ho creata per viverla, perché adesso vivo davvero a Dublino. Sto diventando l’io che ho scritto.

Uno degli elementi più importanti che costruisce una identità personale è quello della lingua. Quella di usare talvolta, nella scrittura del romanzo, una voce incerta, che mescola l’italiano e l’inglese, era una scelta voluta. Corrisponde a una fase reale che sto sperimentando adesso: quella in cui non si parlano due lingue, come dico sempre ai miei amici irlandesi. Quella fase in cui a volte mi scappa un Sorry! anche quando sono in Italia, quella fase che talvolta mi fa sognare in inglese, quella fase in cui ormai sono praticamente incapace di utilizzare le parole “biblioteca” o “libreria” perché faccio una gran confusione.

Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle non è un libro italiano, e non è un libro irlandese. Il Giorno Che Incontrammo Roddy Doyle è letteratura (bella o brutta, alta o bassa: questo non sta a me deciderlo, ma letteratura) migrante. Io sono un migrante, e l’incertezza di chi deve – di chi vuole – vivere in un mondo altro volevo esprimerla scrivendo. A quanto pare, ci sono riuscito… 

*****
Il libro di Max O’Rover, nuovo e promettente autore che, al suo esordio, non ha niente da invidiare al celeberrimo Roddy Doyle.

Laura Schiavini (aNobii)

Non recensioni, ma stelline…

Musara *****
Palla *****
Maueros *****
Chibi Zai *****
Irma ****
Astrea **

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>