Musica irlandese

The Swell Season Tiny Concert

The Swell Season Tiny Concert.

Musica irlandese

The Day We Met Glen Hansard

By MaxMag87

Translated by Q&R Staff

Monday, August 25 2009

What is cool if you have friends in Dublin is… have friends in Dublin! Moreover if you love Ireland. Of course, everything is easier with the web, but if you have someone ‘on site’ it’s more easier. And very more funny!
Bob and Massimo know that we loved Once.
So when they asked:
Do you want tickets for Swell Season gig?”

(you mean Glen Hansard and Markéta Irglová, aka the Guy and the Girl in Once, and Hansard’s band, The Frames), what do you think we answered!?

So, couple of months after Dublin Writers Festival and Seamus Heaney lecture, we are Ryanair guests again. Flight take off from Pisa a bit behind the time, but it lands in Dublin in time.

Joseph O’Connor wrote Dublin is just like a big village, if you stay for a week you start to cheer people walking: Sinéad’s brother is right: just out airport sliding doors, Aircoach guy is the same as two months ago…

Traffic is quiet, we arrive in Merrion Square when park is still open. We’ll sleep at O’Donoghue’s, over the pub frequented by Christy Moore with live music every evenings. MaG choose The Cellar for dinner, in front of Taoiseach Department.

There we know Andras, half Hungarian half Irish, who speaks a perfect Italian and shouts for Fiorentina. We exchange e-mail contacts, for further cultural relationships (read: “We find you Artemio Franchi Stadium tickets, you find us tickets for the Croke”.

No beer. But a Midleton Very Rare, that is.

It costs like five pints. I don’t ‘understand’ it completely (perhaps because the most expensive of the universe fish & chips in the universe which anticipated it?), but it’s only massif, like they say here about something made deadly well. 40 velvet percent, MaG suggests.

Songs in the pub, we have our keys to go upstairs. It sounds like home.
By the way: no rain.

Tuesday, August 26 2009

It rained by night, without disturb. Sky doesn’t know what to do: bring clouds from west or make the sun shine?

Meanwhile, we go to Bewley’s for breakfast… Well known faces, and we think about tens of characters who frequented this place.

Bach to Liffey, then. Also the Garda Station is in a book.

Two books, now, our friend tells, winking…

Who knows: maybe books are more than two!

We cross ‘O’Connell Bridge (how much characters did the same?), we towards the harbour, leaving behind the Custom House. We enter CHQ Building.

We meet there an Alien made by recycled metal and a Terminator 800 by RoboSteel; we don’t have €4.500 cash for Alien, so we go forward to our goal: House Of Tea.

108 teas. Beautiful. Also if you drink only lapsang… And what a lapsang! Not even the deadly good blackcurrants stew makes you forget the wooden tea’s aftertaste.

Tea gone, finally it rains. Rain, from the west, from the Ocean and Aran Islands, rain coming in a hurry, taking the Liffey d’enfilade, rain falling horizontally, like a huge tetris game played with a mad joystick swerving to the sea, or hating bitterly Sean O’Casey Bridge. We go out, umbrella is useless. Irish people hate irish weather, but I do want enjoy this quarter of a hour of rain: there’s a glimmer of blue sky, beyond the Spire, rain disappear, it hammers away, if you look at the big black clouds, the unlucky peolpe in northern suburbia…

We cross again O’Connell Bridge to meet another irish writer: Darran, taxi driver, poet and writer (children literature too): another guy who’s trying. We chat about weather, Facebook and the Edge: Darran went to last Croke Park gig, but he met the Edge one time: he was going to watch Finding Nemo with his (second) wife. Did you know One has been written by the Edge when his (first) wife dumped him? Did you know in Dublin there are two O’Connell Bridge?

After a Nutella crêpe and a tea, we cheer Darran: he’ll meet a journalist and he’ll be on the radio: Good luck, Darran!

It’s gig time. Five more minutes of rain while we cross the Green: ducks, swans and seagulls don’t care at all.

The Gig: Lisa Hannigan and Swell Season @NCH





Like for Heaney we are at National Concert Hall . Massimo sends a sms to Claire, the band manager. Claire come to meet us, the band has just ended soundcheck “and now I’ll feed them”, she tells, just like an apprehensive mum. Again we speak about weather: she envies our 37°C. She’s back to her ‘babies’, she assures us we’ll meet Glen after the gig: cool!

The audience is variegated: youngsters, coetaneous of us and quite a lot of olders; seats are perfect! I mutter a bit when I see the guitar on stage: it’s not battered, that’s not Glen’s guitar, Once‘s guitar!

But I forget: Swell Season will be anticipated by Lisa Hannigan.
Lisa starts with An Ocean And A Rock. then Passenger, and Venn Diagram.
We don’t know fourth song, it’s followed by Brolly Beats and Teeth, then Lisa ends with her hit, Lille.

Lisa has a shivering voice, I told to MaG: she has a more rockish taste, but in the middle of the gig she pokes me, because she is shivering! Lisa’s voice is not only shivering. Her voice is not only shivering: throaty, deep, powerful, like a lion kept at bay by the music. A man seaten close to us is touched. And the gig we were waiting for has not even started!

Lisa and his band leave the stage, soundcheck again. Here comes the battered guitar… Last tuning with Rob Bochnik the Swell Season (and Frames) guitarist. Me and MaG digress about the bassist loneliness, while he beats tempo with one chord less… Then, it starts.

Hansard is on stage. I realize, just when the band starts playing, that it’s becoming difficult, in the age of music i-pod-ization, still believe that behind earphones, in mp3 files, there are human beings. Because the energy of musicians on stage, the energy you see, you hear, you feel in your belly when they stamp on percussions and bassists do their job: that energy can’t pass by earphone, can’t stay in files.

First song, This Low, is from first album (2006), namesake Swell Season.
With second song we are in Once mood: When Your Minds Made Up.

As we saw watching Hansard videos on Youtube, one of Glen’s traits is the skill, and will, to interact with audience, also this audience which, at the beginning, is a bit cold (perhaps because of theatre, more suitable for classical music and Nobel prizes?). So Glen wants all of us standing to ‘shake up’ a bit, and he introduces all songs with a joke, chatting with us.

Third song, Low Rising, is from new album (out in autumn), Strict Joy. We already listened it in the Tiny Desk Concert on NPR and it is probably my favourite. Also next three pieces: The Moon, the energetic, vanmorrisonesque Feeling The Pull (Tiny Desk Concert) and High Horses, are from new CD. Back to Once with Leave, a bit of REM with Hairshirt, then again to the new work with the beautiful In These Arms. On the following song Glen joke: he introduces the song which designs the worts moment in your life, when you don’t want live anymore , when you have no hope, than he laughs telling that Back Broke (Tiny Desk Concert) is inspired by his first girlfriend who ditched him…

The song ends, Glen is alone on stage, he leave the guitar and ask fot the jacket: he picks up a book from the pocket . New CD title is related to James Stephens’s poem, Strict Care, Strict Joy: if needed, the strong relationship between irish music and irish literature is explicit, wanted, even more in Hansard work. After the lecture, Glen leave the limelight to Markéta for I Have Loved You Wrong.

Following two songs are made by the alchemy between Glen and Markéta, which gives more intensity to performance: songs from Once, touching and Oscar-winner Falling Slowly, Lies, raging and harrowing and If You Want Me (Markéta solo).

If the band thinks to have finished the job, audience, which ‘warmed up’, thinks different! Encores start with Markéta playing Fantasy Man (Tiny Desk Concert), than it’s time for Colm Mac Con Iomaire, violinist of the band (the only one with creased trousers: he’s a violinist, not a rocker!), author of the beautiful Chúinne an Ghiorria / The Hare’s Corner (2008), with Cúirt Bhaile Nua / The Court of New Town.

Glen time again, with the outstanding Go With Happiness, (NCH version linked), in which Joe Doyle’s bass and Graham Hopkins’ percussions are the perfect counterpoint for Hansard’s voice and Colm’s violin.

Then, favourite MaG’s song: Fitzcarraldo, from first album The Frames, a hymn for who perfectly knows what he’s looking for and has only to reach it.

End game: audience appreciates, and… Glen appreciates the audience, now! last songs to choose: someone asks for Fogtown, or You Ain’t Go Nowhere. Glen performs another ‘old’ piece, Red Chord, dedicated to his mother, and a snippet of The Boss’ Drive All Night. I’d like Revelate, one of my favourite songs, but I shout for Heyday, Mic Christopher‘s song.

And it is Heyday: you must end greeting old friends… Glen is touched, audience supports him, sings for him. Grand finale for a moving concert.

We wait for Claire in the hall, she brings us to meet Glen, while Colm speaks with friends and relatives and we meet Markéta.

I hug Glen, to thank him. We take a photo with him,

“testicles” I whisper, like in The Commitments, Glen smiles and I feel myself for a while part of Jimmy Rabbite Jr’s band. Then, part of a Roddy Doyle’s book. And I do not think there are not so many places which can make you feel like this.

I shake hands with Lisa Hannigan, I tell her she’s great.

We come back to O’Donoghue’s walking out south Green’s side.

By the way: no rain.

Swell Season Strict Joy Tour

Dublin, National Concert Hall, 26 agosto 2009
Glen Hansard (voice, guitar, piano)
Markéta Irglová (voice, piano, guitar)
Colm Mac Con Iomaire (violin)
Joe Doyle (bass guitar)
Rob Bochnik (guitar)
Graham Hopkins (percussions)

Swell Season Strict Joy Album
Glen Hansard, Markéta Irglová Colm Mac Con Iomaire, Joe Doyle, Rob Bochnik, Graham Hopkins,  Javier Mas (guitar),  Thomas Bartlett (piano),  Chad Taylor (percussions), Steven Bernstein and Clark Gayton (horn)
Swell Season's Strict Joy Track List
1. Low Rising
2. Feeling the Pull
3. In These Arms
4. The Rain
5. Fantasy Man
6. Paper Cup
7. High Horses
8. The Verb
9. I Have Loved You Wrong
10. Love That Conquers
11. Two Tongues
12. Back Broke
Swell Season's The Swell Season Track List
1. This Low
2. Sleeping
3. Falling Slowly
4. Drown Out
5. Lies
6. When Your Mind's Made Up
7. The Swell Season
8. Leave The Moon
9. Alone Apart
http://www.theswellseason.com/
http://www.theframes.ie/

MaxMaG87

Musica irlandese

Bruce Springsteen, Joan Baez, The Chieftains feat. Mick Jagger: The Long Black Veil

I Chieftains, gruppo mitico irlandese, grandissimi anche nel coinvolgere artisti di tutto il mondo.

Musica irlandese

Il Giorno Che Incontrammo Glen Hansard

Lunedì 25 Agosto 2009

Il bello di avere un aggancio a Dublino è… avere un aggancio a Dublino. Soprattutto se ti piace l’Irlanda. È ovvio, con internet è tutto più facile, ma se hai qualcuno sul posto è molto più facile. E, in genere, molto più divertente!

Bob e Massimo sanno che abbiamo amato Once.

Quindi alla loro domanda:

Volete i biglietti per il concerto degli Swell Season?”

(come dire Glen Hansard e Markéta Irglová, ovvero the Guy and the Girl di Once, più il gruppo di Hansard al completo, The Frames), secondo voi come abbiamo risposto!?

Così, un paio di mesi dopo il Dublin Writers Festival e la lecture dell’ultimo premio Nobel irlandese, Seamus Heaney, siamo nuovamente ospiti della solita Ryanair. L’aereo parte in ritardo da Pisa e arriva più o meno in orario a Dublino. Joseph O’Connor ha scritto che in fondo Dublino è un paesone, se ci stai una settimana cominci a salutare gente per strada: dobbiamo dare ragione al fratello di Sinéad appena si aprono le porte scorrevoli dell’aeroporto, perché l’addetto di Aircoach che ci fa i biglietti è lo stesso di due mesi fa…

C’è poco traffico e arriviamo tranquilli in Merrion Square che il parco non è ancora chiuso. Dormiremo da O’Donoghue’s, sopra al pub bazzicato da Christy Moore e in cui c’è musica dal vivo tutte le sere. MaG opta per una cena al The Cellar, davanti al Taoiseach Department.

Lì conosciamo Andras, metà ungherese e metà irlandese, che parla un Italiano perfetto e tifa Fiorentina. Ci scambiamo gli indirizzi e-mail, in previsione di successive relazioni interculturali del tipo “noi ti troviamo i biglietti per il Franchi, tu li trovi a noi per il Croke”.

Niente birra. Ma un Midleton Very Rare, quello sì. Costa quanto cinque pinte. Non riesco a interpretarlo bene (forse colpa del fish & chips più costoso dell’universo che lo ha preceduto?), ma è only massif, come dicono da quelle parti di qualcosa che è assolutamente fatto bene. Quaranta gradi di velluto, suggerisce MaG.

Al pub suonano, noi abbiamo le chiavi per andare di sopra. È un po’ come essere a casa.

Ah: non piove.

Martedì 26 Agosto 2009

Ha piovuto di notte, senza disturbare. Il cielo non sa che fare: via libera alle nubi da ovest o tornare al sereno?

Nell’incertezza, andiamo a fare colazione da Bewley’s… Facce conosciute, anche lì, e senza pensare alle decine di personaggi di decine di libri che lo hanno bazzicato.

Giù verso la Liffey, allora. Anche la stazione della Garda che ci rimane sulla destra è in un libro.

Anzi due, adesso, ci dice il nostro accompagnatore strizzando l’occhio…

Chissà, forse sono ancora di più…

Attraversiamo l’O’Connell Bridge (su questo sì che ne sono passati, di personaggi…) e proseguiamo in direzione del porto, superando la Custom House. Arriviamo al CHQ Building. Ci accoglie un Alien in metallo riciclato che fa il paio con un Terminator 800 di RoboSteel; non avendo a disposizione sull’unghia i quattromilacinquecento euro per i due metri e quaranta di alien, raggiungiamo la nostra meta: House Of Tea. Centootto tipi differenti tra tisane e tè. Bellissimo. Anche se sai che bevi soltanto il lapsang… E che lapsang! Neanche l’ottima composta di mirtilli fa dimenticare al palato il retrogusto legnoso di un ottimo mug di tè.

Il tè è finito, finalmente piove. Pioggia che viene da ovest, dall’Oceano e dalle Aran, e arriva con una gran fretta, prendendo d’infilata la Liffey, cade in orizzontale, come se fosse un immenso tetris giocato con un joystick impazzito che scarta verso il mare, o come se ce l’avesse a morte con lo Sean O’Casey Bridge. Usciamo, l’ombrello è inutile. Gli Irlandesi odiano il clima del loro paese, ma io questo quarto d’ora di pioggia voglio proprio godermelo: c’è già un barlume di azzurro, oltre la Spire, la pioggia sparisce, continuando ad accanirsi, stando ai nuvoloni, sui soliti sfigati dei quartieri popolari, più a nord…

Riattraversiamo l’O’Connell e ci troviamo con un altro giovane autore irlandese: Darran, tassista, ma anche poeta e scrittore, anche per bambini, è un altro di quelli che ‘ci sta provando’. Chiacchieriamo del tempo, di Facebook e di the Edge: lui ha visto il megaconcerto al Croke Park, ma the Edge l’ha incontrato una volta, al cinema, a vedere Alla Ricerca di Nemo. Lo sapevate che One è stata scritta da the Edge quando si è lasciato dalla prima moglie? E che a Dublino non c’è un O’Connell Bridge, ma due?

Dopo una crêpe alla Niutellah e un tè, Darran ci saluta: deve incontrare un giornalista e poi parlerà a una radio. Buona fortuna!

È quasi l’ora del concerto. Altri cinque minuti di pioggia, il tempo di attraversare il Green: anatre, cigni e gabbiani nel laghetto se ne infischiano.

Il Concerto: Lisa Hannigan and Glen Hansard Swell Season @NCH

Il teatro è lo stesso dell’incontro con Heaney: la National Concert Hall . Massimo manda un sms a Claire, la manager della band. Claire viene a salutarci, il gruppo ha terminato il soundcheck “e adesso li faccio mangiare”, ci dice, come una mamma apprensiva. Ancora una volta finiamo a parlare del tempo e lei ci invidia i trentasette gradi. Torna dai suoi ‘bambini’ assicurandoci che dopo incontreremo Glen: cool!

Il pubblico è molto vario, giovanissimi ma anche nostri coetanei, e anche un bel po’ di over; i posti sono ottimi: centrali, seconda fila. Borbotto un po’ quando un tecnico del suono si dedica agli ultimi aggiustamenti: quella non è la chitarra di Once, quella così usurata da avere un bel buco, quella di Glen!

Ma dimenticavo che gli Swell Season saranno preceduti da Lisa Hannigan.

Si inizia con An Ocean And A Rock. Il secondo pezzo è Passenger, quindi Venn Diagram.

Non riconosciamo la quarta canzone, la successiva è Brolly Beats, quindi Teeth e Lisa conclude con il suo pezzo più famoso, Lille.

Lisa ha una voce da brividi, avevo detto a MaG: lei ha gusti più rockettari, ma a un certo punto mi dà di gomito, eccoli lì sul braccio, i brividi! No, non è solo da brividi, la voce di Lisa. È roca, e potente, come un leone che la musica tiene a bada. Il signore che siede accanto a noi è commosso. E il concerto che aspettavamo non è ancora iniziato!

Lisa e il suo gruppo lasciano la scena, tornano i tecnici. Arriva anche la chitarra bucata: vuol dire che ci siamo. Ultimi ritocchi all’acustica con il chitarrista, Rob Bochnik. Io e MaG divaghiamo sulla solitudine del bassista, lì a tenere il tempo con la sua corda in meno… poi, si comincia davvero.

Ecco Hansard, con tanto di giacca e cappello di lana (ma il cappello lo toglie immediatamente, forse un gesto scaramantico?). Mi viene in mente, nell’istante stesso in cui il gruppo inizia a suonare, che forse sta diventando difficile, con l’epidemia di i-pod-izzazione della musica, credere che dietro alle cuffie, dentro ai file mp3, ci siano esseri umani. Perché l’energia dei musicisti sul palco, che vedi, e senti, e la senti nella pancia quando pestano sulle percussioni e i bassisti di cui sopra fanno il loro lavoro, non passa dalle cuffie e non entra negli mp3.

Il primo pezzo, This Low, è tratto dal primo album degli Swell Season, il CD omonimo del 2006.

Con il secondo pezzo, siamo direttamente in clima – Once: When Your Minds Made Up.

Come avevamo visto spulciando i video di Hansard su Youtube, una delle caratteristiche del cantante dublinese è la capacità e la volontà di comunicare con il pubblico, anche un pubblico che, almeno inizialmente, è un po’ freddino come questo (colpa del teatro, abituato a musica classica e premi Nobel?). E così Glen ci fa alzare tutti per ‘darci una scrollatina’ e introduce ogni canzone con una battuta, un gioco di parole.

Il terzo pezzo, Low Rising, è tratto dall’album che uscirà in autunno, ovvero Strict Joy. Avevamo già avuto modo di ascoltarlo nel Tiny Desk Concert su NPR ed è forse il mio pezzo preferito tra quelli ascoltati del nuovo lavoro. Anche i brani successivi, l’energetico e vanmorrisonesco Feeling The Pull (ascoltabile nel Tiny Desk Concert) e High Horses, sono tratti dal nuovo CD. Torniamo a Once con Leave, e poi al nuovo lavoro con la bellissima In These Arms. Sul pezzo successivo Glen gigioneggia: lo introduce come canzone che disegna il momento peggiore della tua vita, quello in cui rimani senza speranza, senza voglia di vivere, e poi sghignazza dicendo che la canzone, Back Broke (Tiny Desk Concert) è ispirata a quando lo lasciò la sua prima ragazza…

Al termine del pezzo Glen, rimasto solo sul palco, lascia la chitarra e chiede che gli riportino la giacca: dalla tasca estrae un libro. Il titolo del nuovo CD rimanda a una poesia di James Stephens, Strict Care, Strict Joy: se ce ne fosse bisogno, ancora una volta il rapporto tra letteratura e musica irlandese, in Hansard in particolare, è esplicito, voluto, cercato. Dopo la lettura, Glen lascia il centro del palco a Markéta per I Have Loved You Wrong.

Seguono due brani in cui l’alchimia tra Glen e Markéta, adesso soli sul palco, aggiunge ancora spessore alla performance, due brani da Once, il commovente e premio Oscar Falling Slowly, e Lies, rabbiosa e struggente insieme.

Se il gruppo pensa di cavarsela così, il pubblico, che ormai si è ‘scaldato’, la pensa molto diversamente! I bis cominciano con Markéta che interpreta Fantasy Man (Tiny Desk Concert) cui segue il momento di Colm Mac Con Iomaire, il violinista del gruppo (l’unico a indossare pantaloni con la piega: è un violinista, non un rockettaro!), che è uscito nel 2008 con il bellissimo Chúinne an Ghiorria / The Hare’s Corner, con Cúirt Bhaile Nua / The Court of New Town.

Torna Glen, con la bellissima Go With Happiness, (linkata esattamente la versione del concerto), in cui il basso di Joe Doyle e la batteria di Graham Hopkins contrappuntano splendidamente la voce di Hansard e il violino di Colm.

Quindi, il pezzo preferito di MaG: Fitzcarraldo, dall’omonimo primo disco di The Frames, un inno a chi sa benissimo che cosa sta cercando e ha solo bisogno di raggiungerlo.

Siamo alla fine, il pubblico ha apprezzato e… Glen apprezza il pubblico, ormai! C’è da scegliere gli ultimi pezzi: molti chiedono Fogtown, o You Ain’t Go Nowhere. Glen esegue un altro ‘vecchio’ pezzo, Red Chord, dedicandolo a sua madre. A me non dispiacerebbe Revelate, uno dei pezzi che preferisco, ma grido Heyday, il pezzo di Mic Christopher.

Ed è Heyday: i concerti si chiudono salutando i vecchi amici… Glen si commuove, il pubblico lo sostiene, canta per lui. È il degno finale per un bellissimo concerto.

Lasciamo la sala, aspettiamo Claire nella hall, ci porta da Glen, mentre Colm saluta amici e parenti e incrociamo Markéta.

Mi viene naturale di abbracciarlo, per ringraziarlo. Ci facciamo una foto,

“testicles” dico io, come nella scena di The Commitments, Glen sorride e io mi sento per un attimo parte della band di Jimmy Rabbite Jr. E quindi, parte di un libro di Roddy Doyle. E non credo che ci siano altri posti al mondo che possano farti sentire così.

Stringo la mano a Lisa Hannigan, le dico che è stata bravissima.

Torniamo da O’Donoghue’s costeggiando il lato sud del Green.

Ah: non piove.

Swell Season Strict Joy Tour
Dublin, National Concert Hall, 26 agosto 2009
Glen Hansard (voce, chitarra, piano)
Markéta Irglová (voce, piano, chitarra)
Colm Mac Con Iomaire (violino),
Joe Doyle (basso)
Rob Bochnik (chitarra)
Graham Hopkins (percussioni)
Swell Season Strict Joy Album
Glen Hansard, Markéta Irglová Colm Mac Con Iomaire, Joe Doyle, Rob Bochnik, Graham Hopkins,  Javier Mas (chitarra),  Thomas Bartlett (piano),  Chad Taylor (percussioni), Steven Bernstein and Clark Gayton (tromba),
Swell Season's Strict Joy Track List

1. Low Rising

2. Feeling the Pull

3. In These Arms

4. The Rain

5. Fantasy Man

6. Paper Cup

7. High Horses

8. The Verb

9. I Have Loved You Wrong

10. Love That Conquers

11. Two Tongues

12. Back Broke

Swell Season's The Swell Season Track List

1. This Low

2. Sleeping

3. Falling Slowly

4. Drown Out

5. Lies

6. When Your Mind’s Made Up

7. The Swell Season

8. Leave The Moon

9. Alone Apart

http://www.theswellseason.com/
http://www.theframes.ie/

Ringraziamo lo Staff di Querci & Robertson per l’ospitalità… In tutti i sensi!

MaxMaG87

Musica irlandese

Incontro Con I Mardi Gras

Claudia McDowell con Liam Ó Maonlaí

Claudia McDowell con Liam Ó Maonlaí

L’arte serve a mettere insieme le persone. Parli dei libri che leggi, parli della musica che ascolti, con le ‘altre persone’.

Se ascolti musica irlandese, se leggi letteratura irlandese, e vivi in Italia, probabilmente ti capiterà di conoscere persone…

Italish!