Diari irlandesi

Diario irlandese di Monica Gazzetta: “Dame Alice Kyteler”

Alice Kyteler - St Canice

Siamo a Kilkenny, città situata nella parte sud centrale dell’isola. Ma non siamo qui per visitare il suo famoso castello e neanche per la fabbrica della Smithwick. In verità siamo nella sua Cattedrale, la San Canice’s Cathedral.

La vedete la torre esterna nella foto? Bene, salite con me tutti i 121 scalini.

Lo spazio è stretto, gli scalini sono in legno e la salita è ripida. È tutto sporco e se soffrite di claustrofobia, è meglio che mi aspettiate giù.

Ora che siamo arrivati, riprendiamo fiato, alziamoci il cappuccio della giacca e godiamoci la vista della città dall’alto.

Il vento sembra non volersi fermare e ci sussurra con forza una storia legata a questa cattedrale, o meglio, al primo crollo della sua torre campanaria.

La protagonista è Dame Alice Kyteler.

Alice Kyteler - St CaniceAlice Kyteler

Alice nacque nel lontano 1280 a Kilkenny ed il suo fu uno dei primi casi europei di caccia alle streghe. Si sposò quattro volte e tutti e quattro i suoi mariti morirono in circostanze sospette (circostanze… sospette?).

All’epoca questo poteva bastare per accusarla di stregoneria, ma in città si vociferava di altro ancora.

Nel 1324, molti testimoniarono e giurarono di averla vista spazzare davanti la casa del figlio William, mentre cantava: “Nella casa di William, mio figlio, vada tutta la ricchezza di Kilkenny…” Come se tutto questo non fosse sufficiente, altri testimoniarono che Alice sacrificasse galli neri e che frequentasse il demonio.

Fu così che nel 1324 fu accusata di stregoneria. Insieme a lei vennero condannati la sorella, il figlio e la cameriera che venne arsa sul rogo. Della sorella non si sa nulla ma il figlio riuscì a salvarsi offrendosi di rifare il tetto della cattedrale.

Il genio però, utilizzò tegole di piombo, di conseguenza il tetto crollò e venne distrutto anche il campanile. In tutto questo, Alice riuscì a scappare in Inghilterra.

Ma come ha fatto a scappare in Inghilterra?

E quale è la sua vera storia?

Questo il vento non ce lo dice.

You Might Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>