Storie Irlandesi

Quanti giorni?

Una trentina di giorni diluiti in quattro tempi. E all’asciutto da due anni e un mese. Quel che resta, sono ricordi. E ricordi di ricordi: me che scrivo di Irlanda, sul treno, la sera tardi, tra Firenze e Livorno, tre mesi dopo la prima volta. Senza neanche poter dire che tornavi a casa, in quel periodo. E senza neanche poter dire che era la prima e unica volta che eri “senza casa”.

Storie Irlandesi

Il peggiore (tra Galway e Lucca)

il peggior posto di lavoro che abbia mai avuto me lo sono dovuto tenere per due anni. Due anni esatti. Le prime due settimane ho lavorato in trasferta, a Lucca.